Vini Cusumano e sapori di Sicilia al ristorante Dillà

Vini Cusumano e sapori di Sicilia al ristorante Dillà

476
CONDIVIDI

Un’ immersione nei sapori e nei profumi della Sicilia nel cuore di Roma, quella di martedì scorso al ristorante Dillà, in via Mario de’ Fiori 41.

Il locale si trova a due passi da Piazza di Spagna e propone, in un arredamento che riporta l’idea di una taverna romana in stile shabby chic, una cucina contemporanea legata alla tradizione mediterranea.

Dillà
Dillà

La degustazione  vede protagoniste 5 pregiate etichette di vino ‘Cusumano’ presentate da uno dei due fratelli fondatori dell’ azienda, Diego Cusumano: Alta Mora Etna Bianco DOC, Cubia Tenuta Ficuzza Sicilia DOC, Jalè Tenuta ficuzza Sicilia DOC, Alta Mora Etna Rosso DOC e Alta Mora Feudo di Mezzo Etna Rosso DOC.

L’azienda possiede varie tenute sparse per tutta l’isola, in aree con caratteristiche differenti e sono proprio queste diversità che vengono valorizzate da Cusumano per donare originalità e particolarità  al vino che viene in esse prodotto.

Un calice di Alta Mora Etna Rosso DOC
Un calice di Alta Mora Etna Rosso DOC

Le vigne etnee dell’ Alta Mora crescono a 600 metri sul livello del mare,  sulle pendici del vulcano, con le radici che affondano tra le colate laviche, traendone quel gusto “minerale”- fa fico dire minerale alle degustazioni, ironizza Diego Cusumano-  che caratterizza questi vini.

Notevoli anche Jalè, vino prodotto da vitigni Chardonnay  da vigne che crescono su un terreno calcareo e argilloso e che viene lasciato in barrique per sei mesi, e Cubìa ( il nome è di origine araba e fa riferimento alla ricchezza idrica del sottosuolo), bianco tradizionale da uve Insolia che crescono a 700 metri sul livello del mare.

La degustazione è stata accompagnata da gustosi cibi tradizionali siciliani rivisitati in chiave moderna preparati dall’Executive Chef del ristorante Andrea Misseri.

Le specialità preparate dall' Executive Chef Andrea Misseri
Le specialità preparate dall’ Executive Chef Andrea Misseri

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO