CONDIVIDI
Amandine Albisson e Mathias Heymann in Giselle al Teatro dell'Opera di Roma - 2015
Amandine Albisson e Mathias Heymann in Giselle al Teatro dell'Opera di Roma - 2015

Performance brillante per Amandine Albisson e Mathias Heymann in questi giorni in scena al Teatro dell’Opera di Roma nei ruoli di Giselle e Albrecht. Nella cornice di una ricca e apprezzabilissima scenografia, la Albisson interpreta Giselle con anima e corpo, è energica, vivace e soprattutto dai movimenti pieni, degni della grande presenza scenica di questa ballerina giunta a Roma direttamente dall’Opéra di Parigi.

Sebbene anche Mathias Heymann arrivi dall’Opéra, la loro accoppiata non sembra essere del tutto soddisfacente, forse a causa della bella leggerezza ed esilità del ballerino che, appunto, affiancate al vigore di questa Giselle rischiano di venire offuscate. Heymann infatti guadagna molto negli assoli e il meglio di sé lo darà in un davvero appassionato secondo atto.

Nel primo atto, più che degni del famoso passo a due dei contadini, Alessia Gay ed Alessio Rezza che hanno danzato con vero spirito e vera abilità. L’allestimento in questione ha ereditato scene e costumi da precedenti messe in scena e c’è da dire che i costumi non sembrano del tutto convicenti – anzi tutt’altro – dato che non sembrano coerenti gli uni con gli altri ma ad ogni modo l’allestimento di Patricia Ruanne si rivela sicuramente efficace nella capacità del balletto di coinvolgere il pubblico e trasmettere emozioni reali.

Ora però la grande interpretazione della Albisson continua insieme alle Villi, belle e brave, nel secondo atto. Ed ancora una volta è praticamente impossibile staccarle gli occhi di dosso: il suo cambiamento è tangibile e si rischia quasi di morire con lei nel vederla sottoforma di spirito della giovane Giselle.

Giselle 2015, Teatro dell'Opera di Roma
Giselle 2015, Teatro dell’Opera di Roma

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO