Home life style cinema All’Off/Off theatre riprende il ciclo di cinema LGBT

All’Off/Off theatre riprende il ciclo di cinema LGBT

61

A partire da Mercoledì 21 Novembre (h. 18 e 17, come da programma) all’Off/Off Theatre di Via Giulia, riprendono leproiezioni cinematografiche, volute dal direttore artistico Silvano Spada, che anche quest’anno sceglie con convinzione di dar spazio al cinema nelle sue molteplici forme e colori. E sono proprio i colori della bandiera arcobaleno a brillare nella rassegna Ciak Si Gioca! Psicoplay e Cinema LGBT a Roma, a cura di Plays che seleziona sette film inediti seguiti dalla pratica di psicoplay, condotta dallo psicoterapeuta Francesco Marzano. Dopo ogni film infatti, gli spettatori saliranno sul palco per esprimere le loro personali reazioni e i propri sentimenti scaturiti dall’opera appena vista, il tutto attraverso giochi di ruolo partendo dalle confessioni personali. Questi i sette titoli scelti: Jongens (2014) il 21 NovembreBeach Rats (2017) il12 DicembreDeparture (2016) il 9 GennaioGeography Club (2013) il 20 Febbraio, Freak Show (2017) il 6 MarzoThe Strange Ones (2017) il 3 Aprile e in ultimo God’s Own Country (2017) il 15 Maggio.

 

<< L’avvento di internet ha guidato sempre più il fruitore verso esperienze cinematografiche dove la spettacolarità delle storie, diviene tutt’uno con la nostra personale esperienza. Ci immedesimiamo sempre di più in ciò che guardiamo, ma quest’esperienza, per quanto sempre più profonda, rimane sempre più personale. Non c’è abbastanza spazio per il confronto tra gli autori e gli spettatori, nonostante l’arrivo dirompente dei social network dove si può recensire e commentare liberamente, le nostre voci sono lanciate nell’immensità dell’etere e sono carenti di quel fisico confronto che è di certo più profondo, rispetto ad un commento in rete >>.

Queste le considerazioni del curatore della rassegna Francesco Marzano, che accomuna il suo lavoro con i pazienti alla passione per il cinema, dando così vita al progetto Ciak si Gioca!, un’occasione per relazionarsi vis-a-vis con il prossimo, focalizzandosi su tematiche importanti come quelle dei diritti delle persone LGBTQI.