“Biancaneve, la vera storia”, i toni noir di una storia per bambini...

“Biancaneve, la vera storia”, i toni noir di una storia per bambini che non invecchia mai

130
CONDIVIDI

Nell’ambito delle proposte della rassegna IL TEATRO FA GRANDE, dal 7 al 10 aprile al Teatro India va in scena BIANCANEVE, LA VERA STORIA, uno spettacolo prodotto dal Crest (Premio Amici di Emanuele Luzzati al Festival nazionale del teatro per i ragazzi), interpretato da Catia Caramia, Maria Pascale e Luigi Tagliente, per la regia di Michelangelo Campanale. Biancaneve, una delle fiabe più conosciute al mondo, torna a splendere con la luce che le è propria. In questo spettacolo, l’ultimo dei sette nani è testimone dell’arrivo di una bambina coraggiosa, che preferisce la protezione del bosco sconosciuto allo sguardo di sua madre. Una madre che diventa matrigna, perché bruciata dall’invidia per la bellezza di una figlia che la vita chiama naturalmente a fiorire. Nel bosco Biancaneve aspetta come le pietre preziose che, pazienti, restano nel fondo delle miniere, fino a quando un giorno saranno portate alla luce e potranno risplendere di luce propria ai raggi del sole. Un viaggio originale che conduce i bambini per mano “dietro le quinte” della storia, lì dove prendono forma e vita i personaggi, i loro sentimenti e le loro azioni, talvolta buoni e talvolta cattivi, quasi mai sempre buoni o sempre cattivi. Proprio come uno spettacolo: un po’ comico, un po’ emozionante; o come la vita che impariamo ad affrontare: un po’ dolce, un po’ irritante, un po’ divertente, un po’ inquietante, un po’. Continua con questo spettacolo il progetto che il Crest condivide con l’immaginario di Michelangelo Campanale, per raccontare ai ragazzi storie che riescano ad emozionarli davvero, senza edulcoranti e senza bugie, ma solo con grande rispetto della loro capacità di comprendere ed elaborare pensieri e opinioni in autonomia, semplicemente sulla strada della crescita.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO