I concerti di Villa Ada non si fermano, adesso tocca alla Med...

I concerti di Villa Ada non si fermano, adesso tocca alla Med Free Orkestra

64
CONDIVIDI

Un trombonista ucraino, un fisarmonicista della vera tradizione romana, un “principe” Griot del Senegal che racconta in mandingo magiche storie accompagnandosi con la sua Kora, due voci femminili profondamente diverse ma in perfetta sintonia, due percussionisti che si sfidano a suon di djembe e tabla indiane, una sezione fiati degna di New Orleans, un gigante buono che guida tutta la ritmica, chitarra elettrica, basso, tastiere, tuba.

 A salire sul palco di Villa Ada Roma incontra il mondo martedì 29 agosto sarà lMED FREE ORKESTRA, ensemble caleidoscopico composto da sedici musicisti provenienti da varie aree del sud del mondo per rappresentare una delle esperienze più interessanti e originali nell’ambito musicale nazionale e del bacino del mediterraneo. Nei suoi live  l’orchestra propone un pop-rock-balcanico-mediterraneo-orientale dando spazio alla musica mediterranea, a quella balcanica, klezmer, africana, e più in generale alla world music. Matteo Kutso Gabbianelli dei KuTso alla voce e Andrea Ruggiero al violino saranno gli special guest della serata.

Dopo “Pensiero Mediterraneo”, album di debutto pubblicato agli inizi del 2013, la Med Free Orkestra dà alle stampe nel 2016 il terzo lavoro “Tonnosubito”,  un album in cui si raccontano gli estenuanti viaggi nei barconi, le voci di chi si sente “nessuno”, la forza e anche la solitudine delle donne, storie dure raccontate però  sempre col sorriso e l’ironia tutta racchiusa nell’irriverente titolo dell’album, per un live che fa ballare dalle prime note.


 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO