Il deserto notturno ed elettronico di Rhò

Il deserto notturno ed elettronico di Rhò

42
CONDIVIDI

 

Anticipato dal video di “Black Horse”

 esce il 2 febbraio “NEON DESERT”, il nuovo album di Rhò, musicista, compositore e artista poliedrico che incrocia la sua ricerca musicale con il cinema, la visual art e l’innovazione tecnologica. L’album, che saràpubblicato da Gibilterra e distribuito da Believe, è stato coprodotto con il batterista Stefano Milella (Big Charlie) e masterizzato da Jo Ferlinga (Aucan).

Sonorità scure e calde, un sound intenso e vibrante, un’elettronica emozionale, elaborata e avvolgente. A metà strada tra il soul di James Blake e l’R’nB diThe Weeknd, tra la pomposità di un’opera Wagneriana e il minimalismo di Jamie XX, “Neon Desert” arriva a 3 anni dal precedente “Nebula” e segna il passaggio da una dimensione più acustica legata alle sonorità del folk contemporaneo a un universo in cui il sound elettronico diventa dominante, cui si aggiungono elementi soul, r’n’b e un approccio melodico che recupera la tradizione flautistica del ‘600 italiano.

Primo singolo di “Neon Desert”, il video di “Black Horse” è stato realizzato completamente in CGI per Rhò dallo studio Creative Nomads che ne firma la regia. Il video è partito da un’idea molto semplice e chiara: un artwork animato che diventa un’esperienza installativa in cui un cavallo in corsa, riprodotto in 3D, attraversa scenari in evoluzione, bucando un simbolico velo dell’affermazione.

Dall’oscurità alla luce, il cavallo nero di Rhò racconta una direzione sonora nuova. Più soul ed elettronica.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO