Home teatro In prima assoluta allo Studio Uno di Roma “Era meglio nascere topi”

In prima assoluta allo Studio Uno di Roma “Era meglio nascere topi”

71
Udine, 25-11-2018 - Civica Accademia d'Arte drammatica Nico Pepe - PREMIO NAZIONALE GIOVANI REALTÀ DEL TEATRO 2018 - XI edizione - Era meglio nascere topi - Regia: Amedeo Anfuso; attori: Debora Benincasa, Marco Gottardello - Piemonte - Foto © 2018 Alice BL Durigatto / Phocus Agency

Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno dal 25 al 28 aprile la nuova produzione di Anomalia Teatro “Era meglio nascere topi” spettacolo diretto da Amedeo Josanny Anfuso con protagonisti Marco Gottardello eDebora Benincasa, quest’ultima anche autrice della pièce: lavoro che porta in scena una riflessione sul nuovo razzismo, sulla violenza e sul pericoloso clima d’odio ultimamente diffuso nel nostro paese.

Era meglio nascere topi” raccontala storia di una piccola cittadina di periferia in cui viene istituito un campo nomadi. La reazione di protesta della popolazione è immediata: un presidio permanente di fronte al campo per convincere le autorità a spostare i rom da qualche altra parte, qualunque purché lontana. Lo spettacolo nasce da una vicenda accaduta in provincia di Milano, da cui poi si discosta, nel tentativo di raccontare una storia che è stata più universale.

Da Opera a Torre Maura, dai pogrom dell’Ottocento ai lager in Polonia e Germania, i rom sono sempre stati considerati un pericolo, un male da estirpare: discriminati, marginalizzati, aggrediti e sterminati.

La narrazione si concentra sugli abitanti del campo, per evitare che ancora una volta fosse una voce più forte ed esterna a raccontare una popolazione a cui la voce è stata sempre negata. Il punto di vista si è spostato sul “noi”, “italiani brava gente”: che non siamo razzisti, difendiamo solo il nostro popolo, che urliamo, incendiamo, picchiamo e violentiamo, senza essere mai colpevoli.

Nessuno ha colpa, ma l’odio continua a circolare e a respirare tranquillamente. Nessuno ha colpa, ma quando l’aria è carica di odio è molto più facile trovare un fucile e sapere esattamente contro chi sparare.

I fatti di Torre Maura ci spaventano, ci preoccupano, ma sicuramente non ci sorprendono: tristemente, ce lo aspettavamo. I fatti di Torre Maura ci riconfermano nella nostra scelta di trattare un tema “scottante” e pericoloso, difficile, fin troppo spesso sottovalutato e bistrattato, ma di cui è necessario, adesso più che mai, parlare”.

Era meglio nascere topi” 25-28 aprile | Sala Teatro

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).

Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00
P