Indaco,“In bilico tra colore e poesia” al Margutta Vegetarian food & art...

Indaco,“In bilico tra colore e poesia” al Margutta Vegetarian food & art le opere di Valerio Di Benedetto

205
CONDIVIDI

Valerio Di Benedetto ha come punto di riferimento la poesia, ma è eclettico nella scelta del supporto: lamiere di serrande tagliate e coperte da colori sgargianti in cui una scrittura spontanea ma evocativa, diviene manifesto di emozioni vissute.

Tutto parte dalla strada e dall’attività di street poetry che sa rendere le città un libro aperto attraverso versi impressi nell’animo del luogo che li ospita. E proprio partendo da questa forma di cultura l’artista condensa in una serie di piccole lamiere un momento intimo in cui ogni passante, in questo caso visitatore, può trovare il proprio spunto riflessivo. Nel suo lavoro mette in scena il legame fra dramma e speranza; rivolgendosi a chi cerca di colmare il vuoto lasciato da una sofferenza, da un sentimento spezzato o da una forte malinconia. Nelle miniserrande le parole, insieme alla potenza illuminante dei colori, regalano a chi le guarda una prospettiva diversa, che esula dal quotidiano portando un sorriso. Il ricorso costante alla condivisione è sollecitato da un lessico semplice, diretto e vero. In bilico fra passato e presente, come in un sogno in cui ci è permesso di esplorare le emozioni più recondite che custodiamo.

Le opere stabiliscono un felice dialogo con Il Margutta Vegetarian food & art ospitato dalla suggestiva via Margutta, che ancora oggi si mostra evocativa di una storica ed eroica stagione artistica.

 

“Dall’indaco, un blu ancora più intenso” scrisse qualche secolo fa un monaco buddista.

Tingendo con la pianta di indaco ripetutamente un tessuto, si ottiene un blu ancora più blu dell’indaco stesso. E se intingessimo la vita con la vita, se andassimo a fondo in un abisso indaco totalmente inesplorato, sopportando e superando ogni ostacolo, dalla paura del buio alla pressione del mare che comprime il cuore e ti impedisce di pensare…

Cosa c’è andando a fondo, verso l’impossibile. Cosa puoi trovare?

Io ho trovato dei pezzi di ferro arrugginiti e ho deciso di colorarli e poetizzarli. Tu cosa farai?

Ogni persona ha una missione che è solo sua! Qual è la tua?

Valerio Di Benedetto

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO