La magia dei simboli nei reperti delle Fiamme Gialle

La magia dei simboli nei reperti delle Fiamme Gialle

644
CONDIVIDI

È visitabile fino ad aprile 2016 Symbola – Il potere dei simboli, in corso al museo Stadio di Domiziano a Piazza Navona. Una grande mostra dedicata a opere e manufatti del tutto inediti, oltre 200, detenuti in regime di giudiziale custodia nei caveaux del Gruppo Tutela Patrimonio Archeologico della Guardia di Finanza, ideata e promossa dall’ Associazione culturale Vicus Italicus. Il simbolo sotto linea l’organizzazione, è un elemento concreto al quale si attribuisce un significato che va oltre il suo aspetto o la sua funzione primaria, in grado di evocare un valore più ampio nell’immaginario umano. Un insieme di simboli è quindi in grado di tradursi in un linguaggio che, se codificato, può raccontare molto sui costumi, la vita ed il pensiero di chi lo ha prodotto. Lo scopo della mostra, realizzata dallo Stadio di Domiziano in collaborazione il Nucleo di Polizia Tributaria Roma della Guardia di Finanza (al cui interno ha operato fin dal 1916 un’articolazione deputata alla tutela del patrimonio archeologico) – è quello di divulgare il mondo immaginifico classico nei suoi diversi aspetti e ambiti di produzione e fruizione attraverso il simbolo. Il materiale espositivo proviene da sequestri effettuati dalle Fiamme Gialle e detenuto nei caveaux giudiziari del Reparto, non accessibili al pubblico e quindi non fruibile. La rassegna e’ dunque l’occasione per far conoscere alla collettività l’importante attività posta in essere dalla Guardia di Finanza a salvaguardia del patrimonio storico, artistico e archeologico, quell’altrimenti indefinibile museo a cielo aperto che nella locuzione più comune viene spesso indicato come “il petrolio degli Italiani”, talvolta negletto e vituperato da bande di scavatori di frodo che alimentano l’indotto illecito .La maggior parte delle opere esposte è inedita e viene studiata e presentata al pubblico per la prima volta. Il percorso espositivo e’ diviso in sezioni che abbracciano tre aspetti della società antica, con oggetti-simbolo che vanno dal IX sec. a.C. al IV sec. d.C.: società e istituzioni pubbliche; religione e ritualità; ambito funerario. Un settore speciale della mostra è dedicato all’alimentazione nel mondo antico e al valore simbolico di attributi e immagini legati al cibo e al simposio. L’esposizione è allestita all’ interno della suggestiva Area Archeologica dello Stadio di Domiziano (ingresso da Via di Tor Sanguigna, 1/3 – Piazza Navona, 45), dove le imponenti strutture antiche fanno da cornice al percorso espositivo, che si avvale di apparati didattici e di supporti audiovisivi, e da sostegno al visitatore nella comprensione del linguaggio spesso criptico dei popoli antichi dell’area Mediterranea. Il catalogo, con testi ed immagini, edito da DiElle, ha la regia scientifica della Sovrintendenza Capitolina per i beni culturali.

Info: www.stadiodomiziano.com

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO