Massimo Sconci porta, al teatro Elettra, di Roma la storia dell’Aquila

Massimo Sconci porta, al teatro Elettra, di Roma la storia dell’Aquila

570
CONDIVIDI

Precisamente nove anni dopo il terribile terremoto che devastò l’Abruzzo, Massimo Sconci porta, al teatro Elettra di Roma, la sua personale testimonianza: tra ironia e fragilità, sconforto e necessaria resistenza, l’attore presta corpo e voce a racconti reali o di fantasia, tanti frammenti che descrivono una città, L’Aquila, che ha ancora un forte bisogno di essere raccontata.
Una sedia, due paia di occhiali, un orsacchiotto di peluche e una valigia. Tanto basta per rappresentare le varie, piccole storie del passato, del presente e del futuro di questa città: un teatro di narrazione, dunque, un allestimento scarno ed essenziale ma fortemente evocativo.

Dopo il debutto nel capoluogo abruzzese “L’Aquila nuova” arriverà a Roma nei giorni della commemorazione del terremoto del 6 aprile 2009: “Quello che spero – afferma Sconci – è che, su un palcoscenico, insieme al pubblico, ci sia la possibilità di cominciare a immaginare una città diversa, migliore, di certo non perfetta, ma sicuramente nuova e che si possa dare vita a una memoria collettiva grazie a cui recuperare il concetto e la forza di una comunità.

L’Aquila nuova

di e con Massimo Sconci
5-6-7 aprile ore 21; 8 aprile ore 18
teatro Elettra – via capo d’Africa 32 (metro Colosseo)
Biglietti: 10 euro

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO