Nicola Russo con “Io lavoro per la morte” affronta il tema dell’assenza...

Nicola Russo con “Io lavoro per la morte” affronta il tema dell’assenza con un racconto toccante

74
CONDIVIDI

In questo spettacolo, che è stato uno dei successi dell’edizione 2017 de Le vie dei Festival, Nicola Russo, in scena con Sandra Toffolatti, parte dal ricordo di sua madre. Attraverso una scrittura intima in cui convivono ricordi e invenzioni, Nicola Russo ha lavorato su un personale dialogo con una madre non più in vita ma decisamente presente per raccontare di come l’assenza di una persona possa essere più ingombrante della sua presenza. Un dialogo impossibile, una riflessione su quel che resta dopo la morte, su come a volte solo l’assenza di una persona riesca a farci comunicare grazie alla traccia indelebile del carattere, che ritorna sempre, forte e nitido. Uno spettacolo privato costellato di sogni, sui movimenti del pensiero in solitudine, su di un lessico familiare divertente e dissacrante che gioca a declinare un taboo dei nostri tempi: la morte.

 

Durata: 75 minuti

Piccolo Eliseo – ore 21.00

Da venerdì 28 a domenica 30 settembre 2018

Biglietto: 10 €

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO