Nissan e Mariah Carey, un incontro di design

Nissan e Mariah Carey, un incontro di design

692
CONDIVIDI

Quasi sicuramente Mariah Carey non sa di aver giocato un ruolo fondamentale nello sviluppo dei crossover Nissan; ma insieme a lei anche un orso bruno e una selezione di tazze e bottiglie provenienti da ogni parte del mondo hanno avuto un ruolo importante. Nissan svela per la prima volta l’approccio radicale utilizzato per testare i nuovi modelli di X-Trail, Juke e il crossover dei record, il Qashqai. Da quando è stato progettato il primo Crossover nel 2007, Nissan ha condotto più di 150mila test su tutta la gamma. Tra questi: l’utilizzo di speciali robot per aprire e chiudere i finestrini di ogni modello almeno 30mila volte; l’accensione dei tergicristallo anteriori per 480 ore e a differenti velocità di funzionamento, simulando le più diverse condizioni meteo. L’utilizzo dello stereo installato sulle vetture ad alto volume per un totale di 1.200 giorni (1.728.000 minuti), riproducendo brani selezionati per testare al massimo le varie frequenze di picco. Tra questi, Mariah Carey per le note più alte e la musica House tedesca per i bassi martellanti.
Una strategia vincente.  Lo scorso anno le vendite dei Crossover Nissan in Europa hanno superato le 400 mila unità, garantendo al brand una quota nel settore pari al 12,7%.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO