Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini, si passa dal teatro alla musica

Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini, si passa dal teatro alla musica

57
CONDIVIDI

v

L’estate si avvicina ma non ferma gli eventi a Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini, HUB culturale della Regione Lazio, che anche per questo mese propone una serie di interessanti serate a ingresso sempre rigorosamente gratuito.

Si comincia giovedì 7 giugno alle 21 con Inseguendo Alice, spettacolo amatoriale scritto e diretto da Mary Salvatore che unisce la magia del teatro a una buona causa. La rappresentazione è infatti proposta dalla Fondazione “Parole di Lulù” (www.paroledilulu.it), nata nel 2010 per volere di Niccolò Fabi Shirin Amini con lo scopo di supportare e promuovere progetti legati al mondo dell’infanzia. Sul palcoscenico rivive l’omonima protagonista di “Alice nel Paese delle Meraviglie”, capolavoro della letteratura per ragazzi di Lewis Carroll, che racconterà un particolare disturbo neurologico: la cosiddetta ‘sindrome di Alice’, una malattia che prende il nome proprio da questo celebre personaggio perché causa problemi di percezioni visiva attraverso distorsioni dimensionali e morfologiche.

La bambina libera e coraggiosa inventata da Carroll dà quindi voce a tutti i bambini affetti da questa problematica, trasformando l’ospedale psichiatrico in cui si ritrova in un mondo delle meraviglie inventato da lei.

Spazio alla musica invece venerdì 8 giugno, dove alle 21 si terrà l’incontro “Tra acustica e classica”protagonisti del quale saranno due virtuosi dello strumento: Giovanni Baglioni e Flavio Sala. Il primo è uno dei nomi più interessanti e originali nel panorama della chitarra acustica solista contemporanea, e il secondo, di formazione classica, grazie alla sua musica ha già conquistato le platee di tutto il mondo. Insieme divideranno il palco di Officina Pasolini per raccontarsi e confrontarsi in una serata moderata da Tosca eFelice Liperi che sarà arricchita dalle esibizioni dei due artisti.

Venerdì 15 giugno alle 20, invece, a conclusione del percorso formativo del primo anno della sezione Multimediale del laboratorio artistico di alta formazione di Officina Pasolini, gli studenti mostreranno al pubblico i lavori svolti. Stage… Back! sarà una presentazione “teatralizzata” in cui si capovolgerà l’idea tradizionale di scena visiva. Lo spazio fronte-palco sarà infatti invertito e dal palco si avrà la sensazione che i reali spettatori possano osservare quanto accade. Interverranno la coordinatrice del corso Simona Banchi e il critico cinematografico e speaker radiofonico Steve della Casa.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO