Signora Acqua, mostra omaggio al Planetario

Signora Acqua, mostra omaggio al Planetario

771
CONDIVIDI

Una grande mostra celebra l’acqua attraverso la creatività. “In acqua. H₂O molecole di creatività”, realizzata in collaborazione con la Soprintendenza per il Colosseo e l’area archeologica centrale di Roma, ha come main sponsor Acea SpA e gode del patrocinio della Regione Lazio e della Camera Nazionale della Moda Italiana. L’esposizione e’ ospitata fino domenica 12 giugno 2016 presso l’Aula Ottagona – Planetario del complesso monumentale delle Terme di Diocleziano – Museo Nazionale Romano, un sito archeologico di rara bellezza, prestigioso per storia e per eleganza architettonica. Come il connubio tra il tema della mostra e delle terme si palesa con la forza dell’evidenza, l’Aula Ottagona delle Terme di Diocleziano, fastoso ambiente interpretato come frigidarium, diventa la scenografia ideale di inaspettate interpretazioni dell’acqua.
La mostra, a cura di Stefano Dominella e Bonizza Giordani Aragno, narra come questo fondamentale elemento naturale, l’acqua, sia così determinante per la nostra vita e dell’intero pianeta e abbia ispirato l’arte, la fotografia e la moda.
L’Acqua è il simbolo della vita: indispensabile, insostituibile, scorre attraverso la storia dell’Uomo ed è l’elemento fondamentale che ha permesso alle civiltà di svilupparsi. Da sempre l’Acqua è stata oggetto di rappresentazione: nella mitologia, nella letteratura , nella musica, nel teatro, nell’arte in genere.
Citiamo l’apporto creativo con gli artisti che con le loro creazioni si sono ispirati ad essa. Sono presenti con le loro installazioni Enrica Borghi e la sua “Regina dei rifiuti”, Federico Paris con la “Sorgente”, Ilaria Sadun con “Gocce” e David Pompili e la “T-SHE H₂O”. Ecco Giorgio Correggiari per Virna Lisi, Guillermo Mariotto per Gattinoni mette in mostra l’abito scultura “Foco a ‘mare”, vero manifesto couture contro la tragedia umana degli emigranti. Ed ecco la metafora del flagello dei nostri tempi: in mostra un giubbotto salvagente, simbolo di salvezza e di rinascita, per chi attraverso l’acqua cerca una nuova vita.
Simultaneità, molteplicità, l’acqua a tutto campo come vera comunicazione di vita. Seguendo il ritmo del racconto, ripercorriamo l’iter cadenzato da stili e periodi diversi, nati per un percorso moda “di come eravamo e di come siamo”, tra revival e contemporaneo. Una sorta di metafora culturale in cui sono evidenti i segni di frammentazione degli stili, mescolanza dei generi e nuovi messaggi che ampliano il concetto d’identità.​
Sono in mostra capi creati da stilisti di chiara fama, da designer emergenti, da sarti che hanno inciso sull’ affermazione della moda italiana, da ospiti internazionali che hanno interpretato nelle varie significazioni il tema.
Tra le 91 creazioni presenti in mostra, ecco Giorgio Armani, Salvatore Ferragamo, Valentino, Gianfranco Ferrè, Laura Biagiotti, Ermanno Scervino, Roberto Cavalli, Enrico Coveri, Chiara Boni, Max Mara, Pino Lancetti, Antonio Marras, Romeo Gigli, Ken Scott, Krizia e molti altri.
Tra gli Special Guest internazionali, Maurizio Galante, Issey Miyake, Martin Margiela, Junya Watanabe, Adeline André.
Tra gli emergenti il designer Tiziano Guardini , Italo Marseglia, Alessandro Consiglio e Santo Costanzo. Una sezione dedicata alla nascita dell’Alta Moda Italiana rappresentata da Fernanda Gattinoni, Irene Galitzine, Jole Veneziani, André Laug e Battilocchi. Un omaggio al Cinema e al Teatro italiano, con i costumi firmati da Piero Tosi e da Pier’Alli.
A seguire una serie di creazioni affini al tema dell’acqua, dai costumi da bagno di Laura Urbinati agli abiti “salva acqua” di Burberry, K-Way, Carta e Costura, fino a quelli colorati e dai tessuti di ultima generazione di Stone Island. Infine le attrezzature e le uniformi della Marina Militare Italiana, dal palombaro al sommozzatore, dalla divisa di Ammiraglio a quella del marinaio semplice. Inoltre un percorso fotografico con gli scatti di Paolo Belletti immortala l’acqua come metafora di vita e svela le fontane di Roma all’alba di gelide mattine invernali.

Ingresso mostra: dal 4 maggio al 12 giugno 2016
Terme di Diocleziano, Aula Ottagona – Ex Planetario
Orari di apertura: ingresso libero da martedì a domenica ore 11 -19 (ultimo ingresso consentito ore 18)

Info: www.archeoroma.beniculturali.it

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO