“Storytellers”, l’album di esordio di Simone Alessandrini per un jazz visionario

“Storytellers”, l’album di esordio di Simone Alessandrini per un jazz visionario

74
CONDIVIDI

Venerdì 22 giugno 2018 ore 18.00, Simone Alessandrini in concerto per presentare l’album “Storytellers”, nell’ambito della rassegna musicale Officine Jazz – LIVEinOFFICINE, organizzata da OZ – Officine Zero. Sul palco, insieme al sassofonista romano, Antonello Sorrentino, tromba, RiccardoGola, basso elettrico ed effetti, Riccardo Gambatesa, batteria e Federico Pascucci, sax tenore.

Album d’esordio del giovane sassofonista e compositore Simone Alessandrini“Storytellers” si compone di sette brani originali e fortemente evocativi che creano un’architettura complessa; un album decisamente ispirato, in cui le singole tracce sono tessere di un più ampio mosaico narrativo. Classe 1983, cresciuto ascoltando Zappa e il jazz di Coleman, Simone Alessandrini si rivela narratore eccezionale in un album netto e visionario, rievocando, tra mito e leggenda, personaggi popolari sullo sfondo della Seconda Guerra Mondiale.

Sono cresciuto musicalmente con la passione per i concept album – dichiara l’autore – e vorrei che questo fosse il primo di una lunga serie, affrontando di volta in volta tematiche diverse.

Sette brani per tessere un’unica trama che si snoda tra comico e tragico, le cui sonorità di ampio respiro sono alla base di una narrazione che vuole recuperare un pezzo della nostra memoria e salvarla dall’oblio. Le composizioni di “Storytellers” hanno una forte impronta melodica e il gruppo presenta un sound molto compatto e ben definito, vista l’assenza di uno strumento armonico. Questa carenza diventa il punto di forza, grazie anche alla presenza dei tre strumenti a fiato che dialogano, scambiandosi la melodia, attraverso linee contrappuntistiche. Inoltre, l’elettronica e l’utilizzo del basso elettrico richiamano il mondo del rock progressive, allineandosi a quell’idea in cui convivono sonorità moderne, e a tratti acide, con il lirismo di estrazione popolare.

 

Non ho pensato – prosegue Simone Alessandrini – di fare una colonna sonora delle storie che andavo a raccontare, ma piuttosto il contrario, cercando di “vestire” il vissuto con un mio modo di intendere la musica.

Con i loro nomi degni della fantasia di uno sceneggiatore, ma frutto dell’inventiva popolare, Sor Vince’, il signor Adriano e Cetto La Mitraglia diventano alcuni dei protagonisti delle tracce di “Storytellers”, come anche Olga e Nazario, due innamorati capaci di ritrovarsi dopo anni di distanza,Il gobbo del Quarticciolo, con i suoi eroici atti di sabotaggio contro i tedeschi sulla via Casilina, passando, infine, per i personaggi de L’imbroglio del cordoglio, paradossale vicenda di una veglia funebre inscenata per occultare il furto di un maiale. La musica di Alessandrini dona, così,tridimensionalità a personaggi comuni ma, a loro modo, straordinari che hanno affrontato la guerra e ne sono usciti a testa alta, con coraggio e dignità.

In “Storytellers” – uscito per l’etichetta Parco della Musica Records, con la partecipazione di Dan Kinzelman al sax tenore in tre brani – la musica è il pretesto per far rivivere dei personaggi con i quali il musicista è entrato in contatto in modo del tutto casuale: attraverso racconti quasi leggendari tramandati a San Felice Circeo, dove Alessandrini è cresciuto e Roma, dove è nato.

OZ- Officine Zero è un progetto di rigenerazione urbana sorto sulle ex-RSI officine per la manutenzione e la riparazione dei treni notte. Un centro polifunzionale e di innovazione sociale, che accoglie all’interno di un sistema di economia collaborativa, lavoratori indipendenti, piccole cooperative, associazioni, artigiani e lavoratori dell’intelletto.

Venerdì 22 giugno, ore 18.00

Officine Zero

Via Umberto Partini 20, Roma

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO