“Va pensiero”, di Marco Martinelli debutta all’Argentina di Roma

“Va pensiero”, di Marco Martinelli debutta all’Argentina di Roma

41
CONDIVIDI

Dal 13 al 18 novembre al Teatro Argentina debutta una storia italiana, di bellezza e di malaffare, di mafia e di declino, con tracce di rinascita, che pone a stridente confronto gli ideali risorgimentali delle opere di Verdi con il degrado e la corruzione dell’Italia attuale, VA PENSIERO. Una grande creazione corale su drammaturgia di Marco Martinelli, che condivide l’ideazione e la regia con Ermanna Montanari, per portare in scena la “speranza” risorgimentale inscritta nella musica di Giuseppe Verdi, da controcanto al “pantano” e alla corruzione del nostro oggi attraverso il racconto di un caso di cronaca. La storia è ambientata in una piccola città dell’Emilia Romagna all’inizio del secolo, dove un coraggioso vigile urbano non obbedisce ai poteri forti e si fa licenziare, pur di mantenere la propria integrità e non sottostare alle infiltrazioni mafiose e alle collusioni tra imprenditori e politici senza scrupoli: l’intreccio di mafia, politica e imprenditoria “disponibile” che sta avvelenando il tessuto sociale della regione che ha visto nascere il socialismo e le prime cooperative. Così, il “pensiero” riuscirà ancora a muoversi. Sul palcoscenico l’antica melodia di Verdi sorvola l’Italia che è intorno a noi, anzi che “siamo” noi, fotografando il disfacimento politico, l’impossibilità di riconoscersi negli ideali dei vecchi partiti, il declino del costume nazionale: elementi di un magma inestricabile che fa un tutt’uno con la nostra vita collettiva. Dopo Pantani eRumore di acqueSlot Machine e Vita agli arresti di Aung San Suu Kyi, un altro affondo drammaturgico di Martinelli sulla patria raccontata attraverso i suoi inferni e i suoi gesti di ribellione: un grido disperato e ancora vibrante di speranza, perché si ritrovi il senso di parole come “democrazia” e “giustizia”. Lo spettacolo in due atti vede in scena l’ensemble del Teatro delle Albe insieme ad altri attori “ospiti” e un coro dal vivo, la Corale Polifonica Città di Anzio, che eseguirà arie e corali dalle opere verdiane.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO