Una guida non guida per un Colosseo da spedire col francobollo…

Una guida non guida per un Colosseo da spedire col francobollo…

907
CONDIVIDI

Quanto sappiamo in realtà del Colosseo, il monumento più visitato d’Italia? I romani tendenzialmente poco, lo danno per scontato. Sta li, imponente, c’è sempre stato. Al massimo discuteranno se sia giusto o meno ripristinare l’arena e utilizzarlo come luogo di spettacolo. Dimenticando che per questo è nato e che tutti i piccoli “Colossei” in giro per Europa e Mediterraneo, finché non arriva l’Isis, sono anche luoghi di spettacolo. Per dire, ad Arles, in Provenza, ne hanno due: spettacoli e corride incruente sono abituali. Per non dire degli anfiteatri. Il turismo di massa ci arriva in torpedone per una visita rapidissima, al Colosseo, due foto e via. Certo, non c’è guida che non ne parli. Ma non tutte le guide sono uguali. Non vuole essere una guida, invece, ma finisce con l’essere un gradevolissimo bignamino, questo Colosseo. Due o tre cose che so di lui, curato da Massimiliano Borelli per L’Orma Editore. Racchiude il Colosseo in soldoni, cifre, mappe, immagini, storie, poesie e canzoni. Per far rivivere l’eco degli antichi ruggiti e il clangore delle ferraglie contro gli scudi, ma anche lo spirito di duemila anni di sguardi ammirati, avidi, crudeli e festosi che si sono posati sulla rovina più famosa del mondo. La guida non guida fa parte di un progetto editoriale interessante. Leggeri e tascabili, I Pacchetti donano al libro l’agilità di una cartolina grazie a una veste tipografica inedita e raffinata quanto i contenuti: letture sorprendenti che, con due semplici piegature, sono pronte per essere spedite. I pacchetti dei luoghi (non comuni), spiega l’Editore, vogliono essere vademecum completi di tutte le informazioni pratiche e storiche, ma anche di curiosità inconsuete e aneddoti rivelatori, e accompagnano (o sostituiscono) una visita ai più famosi monumenti del mondo facendoceli finalmente vedere per ciò che sono e non per ciò che si suppone che siano. Leggeri e tascabili, poveri e belli, I Pacchetti uniscono libro e cartolina in una veste tipografica inedita e di immediata riconoscibilità. Carteggi e racconti, epistolari, discorsi e altri scritti inconsueti recuperano la lettera come un dono di pensiero per accompagnare un incontro, un’occasione o un evento. Nasce così un’idea regalo o da collezione che, con due semplici piegature, è pronta per essere spedita. La collana I Pacchetti offre uno sguardo inedito, privato e iconoclasta sulla biografia e il mondo interiore di alcuni dei massimi pensatori, artisti e uomini politici di tutti i tempi: l’unica etichetta che questi classici irregolari sopportano è il francobollo.
www.lormaeditore.it

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO