Ancora sangue su Istanbul, la strage del kamikaze siriano

Ancora sangue su Istanbul, la strage del kamikaze siriano

463
CONDIVIDI

Ancora sangue su Istanbul. La maggior parte dei 10 morti nell’attentato al centro storico e turistico di Istanbul è straniera. Lo ha confermato il vice premier Numan Kurtulmus. Il vicepremier ha aggiunto che due dei 15 feriti sono in gravi condizioni. Tra i feriti, secondo le notizie di stampa precedenti, ci sono sei tedeschi, un norvegese e un peruviano. Il kamikaze che si è fatto esplodere nella piazza Sultanahmet è di origine siriana, come annunciato dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ed è nato nel 1988, ha confermato il Kurtulmus. La piazza Sultanahmet di Istanbul, teatro dell’attentato che questa mattina ha ucciso 10 persone, è il cuore della Istanbul turistica e ospita le tracce più significative della città romana, bizantina e ottomana. Non è la prima volta che finisce nel mirino dei terroristi. Poco più di un anno fa, il 6 gennaio 2015, un’attentatrice suicida si fece esplodere all’ingresso di un commissariato di polizia vicino alla piazza, ferendo un agente e uccidendone un altro. L’attacco fu inizialmente attribuito a un gruppo di estrema sinistra, ma poi emerse che la kamikaze aveva legami con il sedicente Stato islamico (Is).

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO