Matteo Nasini in “Neolithic Sunshine”

Matteo Nasini in “Neolithic Sunshine”

51
CONDIVIDI

La performance fa parte del progetto Sparkling Matter, iniziato da Nasini nel 2016: a metà tra suono, tecnologia e neuroscienza, questa ricerca dell’artista è incentrata sulla registrazione delle attività del cervello umano durante le varie fasi del sonno e sulla loro trasformazione in una esperienza visiva o sonora, offerta allo spettatore attraverso sculture, performance e installazioni.

Nel corso della nottata, gli impulsi cerebrali di una persona addormentata saranno trasformati in suono attraverso un software di conversione e saranno diffusi in tempo reale nello spazio sotto forma di una composizione polifonica, che condurrà il pubblico a entrare in una atmosfera onirica, tra il sonno e la veglia.

Lo Sleep concert, promosso in collaborazione con Marsèlleria, sarà trasmesso in diretta streaming da RAM Radio Arte Mobile(www.radioartemobile.it) e sarà anche l’occasione per presentare il vinile Sparkling Matter, edito da Yard Press con il supporto di Marsèll, che raccoglie una scelta di registrazioni dei precedenti appuntamenti del progetto. Sparkling Matter è stato già realizzato nelle sue molteplici varianti da Marsèlleria (Milano e New York), Palazzo Fortuny, (Venezia, in occasione della 57 Biennale Arte), Clima Gallery (Milano), Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea e MACRO (Roma).

La ricerca di Matteo Nasini si sviluppa trasversalmente su più discipline (scultura, fonia, neuroscienze, storia): la mostra Neolithic Sunshine (aperta al pubblico fino al 7 ottobre) comprende numerose opere scultoree e installazioni sonore, caratterizzate da alcuni aspetti ricorrenti nella poetica dell’artista, ovvero il suono e le sue origini, l’impiego di pratiche manuali lente, la sperimentazione tecnologica. L’artista ha individuato e selezionato reperti di fossili animali riconducibili alle prime forme di strumenti acustici, riproducendoli in ceramica con una stampante 3D, per essere trasformate in sculture sonore. La mostra si articola in un sound piece, realizzato nella Chiesa del Suffragio, dove sono esposti gli strumenti primordiali e dove risuona la musica creata con essi sotto a una tenda di lana (Tenda vestigia), un’installazione di venti sculture di fili di lana (il Giardino perduto) che occupa parte del Loggiato della Pescheria, e Ruota, un grande anello in ceramica che ricorda le forme archetipiche dell’architettura preistorica e i primi utensili creati dall’uomo. Conclude la mostra Principio Selvatico, un arazzo di grandi dimensioni ricamato a mano.

Con questa mostra Matteo Nasini celebra la genesi di una primordialità feconda. La connessione con il tempo presente e la propensione verso il progresso tecnologico trasformano lo spazio espositivo in un luogo animato da una forte componente rituale, dove arcaismo e modernismo dialogano in un contesto inedito.

L’idea di ricostruire il momento straordinario in cui in un luogo e in un tempo indefinito l’uomo ha inventato la musica vuole essere un omaggio alla figura del grande musicista e compositore Gioachino Rossini, di cui si celebra il 150° anno dalla morte, e alla sua Pesaro, nominata Città Creativa Unesco della Musica nel 2017.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO