Agatha Christie tra suspence e ironia

Agatha Christie tra suspence e ironia

421
CONDIVIDI

“L’ospite inatteso”, il miglior giallo teatrale di Agatha Christie, in scena ancora per pochi giorni, fino al 22 maggio, al Teatro Stabile del Giallo. Uno sconosciuto entra in una casa e vi trova una donna, con una pistola in mano, davanti al cadavere del marito.
Un giallo perfetto, dove la commedia e la suspense si sposano in un matrimonio magistrale, elegante e divertente. L’ospite Inatteso già dal primo minuto ti inchioda alla poltrona scivolando leggero e brillante, di colpo di scena in colpo di scena, fino all’ultimo istante.

“Un uomo entra di notte in una casa isolata in cerca di aiuto, trova un cadavere e la moglie (ormai vedova) con una pistola in mano, tutto sembra chiaro….. Un inizio folgorante, che apre quello che secondo me è il miglior giallo teatrale di Agatha Christie. Un affresco inimitabile, una sinfonia di personaggi – spiega il regista Raffaele Castria – disegnati con una maestria e una classe che lasciano stupefatti. Solo il genio della Christie è stato capace di costruire meccanismi gialli così perfetti, complessi e semplici al tempo stesso, come teoremi di matematica eleganti e folgoranti. Nessuno come Lei è capace di unire suspence, tensione e ironia”.

Info: www.stabiledelgiallo.com

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO