Home teatro Al Teatro degli Audaci una commedia incalzante e dinamica:”Rumors” convince e diverte

Al Teatro degli Audaci una commedia incalzante e dinamica:”Rumors” convince e diverte

1064

Al Teatro degli Audaci in scena “Rumors” di Neil Simon, fino al 22 Gennaio.

La commedia del 1988 , ambientata nell’alta società di New York, gioca sui pettegolezzi intorno ad un presunto tentato suicidio , durante una festa data in occasione di un anniversario di matrimonio.

La compagnia di attori mostra  coesione e affiatamento , elementi importantissimi per un testo simile: il ritmo incalzante e rapido necessita di un supporto di questo tipo.

Nonostante in qualche occasione la recitazione di alcuni personaggi minori potesse sembrare un po’ troppo forzata, il risultato finale è divertente e dinamico, con delle punte di estrema accuratezza. L’universo di pettegolezzi che costituisce l’ossatura della commedia si rivela velocemente , garantendo l’effetto comico sperato.

Un testo americano, così legato alla realtà dal quale proviene , potrebbe inizialmente far pensare alla facilità di cadere in errore su alcuni passaggi ; tuttavia questo distacco non pesa molto, al contrario, infatti, i personaggi messi in scena sembrano rispecchiare elementi che ci appartengono ( ovviamente attraverso  un’ottica comica e caricaturale ) e grazie ai quali possiamo divertirci.

Prima della rappresentazione abbiamo  incontrato Flavio De Paola, attore e regista dello spettacolo, per fargli alcune domande:

E‘ stato difficile lavorare su un autore così contemporaneo come Neil Simon?

Ho già portato in scena tanti spettacoli che sotto certi aspetti potrebbero essere simili , anche se di autori diversi. Sostenere un ritmo pazzesco , quando bisogna mantenere alta l’attenzione del pubblico può rivelarsi un’arma a doppio taglio; in “Rumori Fuori Scena” bene o male, nonostante le molte entrate e uscite , aveva un ritmo leggermente diverso.

A livello di regia è faticoso. E’ tutta lì la difficoltà.

Essere in scena e dirigere allo stesso tempo è una doppia fatica. Dirigere otto attori rendendo reale il ritmo di cui parlavo prima , curando il mio personaggio è una vera sfida a teatro, la mia attenzione è doppia. Rendere tutti questi rumors, questi pettegolezzi , rappresenta un qualcosa di molto attuale. Curare la propria immagine e proteggersi da questi pettegolezzi e rispecchiare se stessi

A volte mentendo , neanche tanto a fin di bene

Più che di mentire , si tratta della paura del pettegolezzo da parte di persone così esposte nella società. Chi è vicesindaco, chi candidato al senato… D’accordo con il mio scenografo ho scelto il colore bianco per testimoniare un candore che nasconde i segreti dei personaggi della commedia . Tutti vogliono apparire ma cercano di nascondere qualcosa.

Quanto deve essere attuale davvero il teatro? Quanto ci si deve riferire alla realtà ?

La scelta dei testi dipende appunto dal periodo. Quest’anno ho messo in scena Il Nome della Rosa in omaggio a Umberto Eco, scrivendo una pagina di storia del teatro italiano .  Rumors, con la quale ho debuttato intorno a capodanno, è un testo che è sempre attuale , in qualunque periodo la si collochi.

Anche perchè sembrerebbe una commedia più leggera rispetto al precedente lavoro di Simon Bioxi Blues, ma non è così

Infatti, assolutamente sì. Questa ti ripeto , è un’arma a doppio taglio perchè se non c’è affiattamento tra gli attori e non viene ben rappresentata può deludere il pubblico. Il pubblico ne è rimasto affascinato.

Quindi sta andando bene.

Sì , il passaparola sta funzionando . Su Internet riceviamo recensioni pazzesche , e il pubblico sta rispondendo bene .

 Ormai Internet è importassimo

Sì , per il teatro diventa  un passaparola velocizzato . Più semplice per quanto riguarda la diffusione. Il social network viene utilizzato in questa direzione.

I social network sono il regno del rumor, del pettegolezzo.

I social sono il luogo deputato per questo

Però non esiste confronto fisico come in teatro

Il teatro è il 3D, si vive la verità sul palco. Nonostante la crisi sistemica il teatro si sta mantenendo vivo, alla gente piace

Quindi non svanirà mai

Speriamo di no.

 Il prossimo progetto ?

“Un papà per tutti ” , una commedia.  Dopo ci sarà “Moby Dick – Me Stesso .Cerco” , rilettura del romanzo celebre da  Enrico Maria Falconi , con sessanta attori in scena che ti invito a vedere.

Dopo un papà per tutti rappresenteremo ” I Trentanove Scalini ” di Hitchcock , teatro di Broadway.

Il teatro di Broadway è impegnativo ma piace molto

Ritmi pazzeschi e quattro attori che cambiano personaggio continuamente . Tranne me , fisso in scena nel ruolo di Richard Hannay.

Marco Natola