Carrozzeria Orfeo torna al Piccolo Eliseo con “Cous Cous Klan”

Carrozzeria Orfeo torna al Piccolo Eliseo con “Cous Cous Klan”

426
CONDIVIDI

Il collettivo Carrozzeria Orfeo torna al Piccolo Eliseo con l’attesissimo Cous Cous Klan, in scena fino al 28 gennaio.

Con una scrittura veloce e graffiante, Gabriele di Luca descrive una realtà distopica – ma non troppo lontana dalla nostra – in cui l’acqua è stata privatizzata ed è diventata un bene riservato ai pochi che vivono in favolosi quartieri circondati da mura presidiate da guardie armate mentre il resto dell’umanità crepa di fame e soprattutto di sete in squallide baraccopoli. È proprio in una di queste favelas ai margini della città che abitano tre fratelli che tirano avanti rubando gioielli e protesi da chirurgia estetica dai cadaveri seppelliti nel cimitero lì vicino: Caio, un ex prete cinico e depresso; Olga, cieca da un occhio che desidera più di ogni cosa rimanere incinta; Achille, sordomuto e sessualmente irrequieto, innamorato della voce del dj di una radio clandestina. Di fronte a loro, in una sgangherata roulotte, vive invece Mezzaluna, un immigrato musulmano che il padre vorrebbe jihadista ma che di giorno sotterra rifiuti tossici e di notte fa l’ambulante. Arrivano a turbare questa realtà già di per sé bizzarra Aldo, un pubblicitario cacciato di casa dalla moglie per esser stato con una minorenne, e, infine, la misteriosa Nina, una folle e caotica quanto seducente ragazza che spunta dal nulla e che sente delle voci.

Dopo il grande successo di Thanks for vasellina (di cui  uscirà  una versione cinematografica diretta sempre da Di Luca) e di Animali da bar, Cous Cous Klan conferma la capacità di catturare il pubblico con la comicità cupa dei personaggi e con il ritmo serrato dello spettacolo per più di due ore di rappresentazione.

È proprio nella grottesca e quasi barocca caratterizzazione di questi ultimi, esaltata dalla scrittura rapida e cannibale di Gabriele di Luca, la grande forza e l’originalità della pièce: personaggi di una profonda vitalità che con battute caustiche e dal gusto amaro alternate a momenti in cui qualsiasi tipo di leggerezza si dissolve svelando una realtà crudele e spietata, creano un’atmosfera del tutto particolare fatta di cinismo, rabbia e malinconia.

Funziona la regia a tre di Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti e Alessandro Tedeschi e bravissimi anche gli attori Beatrice Schiros, Angela Ciaburri, Alessandro Federico, Pier Luigi Pasino e gli stessi Massimiliano Setti e Alessandro Tedeschi.

Bella e curata nei minimi particolari anche la scenografia di Maria Spazzi.

Uno spettacolo assolutamente da non perdere.


 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO