Home eventi Essere Leonardo Di Caprio, un incubo, un sogno una speranza di Oscar....

Essere Leonardo Di Caprio, un incubo, un sogno una speranza di Oscar. Al Teatro dell’Orologio dal 1 al 6 dicembre

1211

Sarà in scena al Teatro dell’Orologio – Sala Orfeo – dal 1 al 6 dicembre 2015, in prima nazionale, LEONARDODICAPRIO scritto e diretto da  Riccardo Festa. Protagonisti di questo originale ed accattivante spettacolo: Lorenzo Bartoli, Michele Cesari, Luca Di Prospero, Emilia Scarpati Fanetti, Riccardo Festa

 

«Qui. Che non è un qui preciso, ma è un ovunque. Qui che è terra di mezzo e di nessuno. Qui che sono le nostre vite tutte, omologate e lontane che quasi le guardiamo alla tivvù». Spiega Festa. «Immaginati Leonardo DiCaprio che fa il discorso di accettazione del premio Oscar che alla fine ha vinto, Leonardo che organizza la festa di dei suoi quarant’anni, Leonardo che si innamora, si arrabbia, si commuove, litiga, si addormenta stanco dopo una lunga giornata, si sveglia combattivo per difendere la Terra e la Natura, Leonardo-sportivo, Leonardo-intellettuale, Leonardo-Fashion, Leonardo in famiglia».
«Ma non immaginate proprio DiCaprio.  Immagina uno che gli assomiglia, ma solo un poco. E che però sente di assomigliargli molto, molto di più di quanto non si percepisca da fuori. É dentro che gli assomiglia, nel profondo, nell’intimo. Assomigliare a DiCaprio. No. È riduttivo. Meglio». 
Essere DiCaprio. In ogni movimento, ogni frase detta, ogni decisione presa, nelle storie da raccontare, in quelle da vivere o che sono già vissute, essere sempre e solo Leonardo DiCaprio.

Leonardodicaprio racconta di una periferia qualsiasi e di una pompa di benzina a lato di una strada che porta fuori o dentro ma non si sa da dove e verso dove. Ma se c’è una strada, qualcosa o qualcuno ci può sempre arrivare. Lo si può sperare, almeno.

Tra inserti onirici, apparizioni, incontri e svelamenti, un giovane uomo si confronta con i suoi fantasmi e le sue ossessioni, raccontandoci, attraverso un puzzle di riferimenti ad uno dei personaggi più iconici degli ultimi vent’anni, anche qualcosa di noi.”