Home eventi Sotheby’s celebra Ian Fleming e il suo James Bond con mostra e...

Sotheby’s celebra Ian Fleming e il suo James Bond con mostra e asta online

65

Dal primo libro all’ultimo poster per celebrare quasi 70 anni di un mito: le gallerie di Sotheby’s a Londra, in Bond Street, si trasformano in un paradiso (anche se solo virtuale) per gli appassionati di James Bond (a pochi giorni dalla scomparsa del grande attore scozzese Sean Connery), celebrando una delle saghe letterarie più vendute e una delle serie di film più longeve di tutti i tempi. Da dove tutto è iniziato con la creazione da parte dello scrittore inglese Ian Fleming (1908-1964), con una rara prima edizione di “Casino Royale” del 1953, che segnò il debutto narrativo dell’agente 007, fino al manifesto originale per l’imminente, attesissimo film “No Time to Die” (l’uscita nelle sale è slittata causa coronavirus al 2 aprile 2021), da venerdì 6 a martedì 10 novembre si tiene la mostra “Bond on Bond Street” che ripercorrerà l’ascesa della super spia dalle pagine di un romanzo a dominus degli
schermi da quasi sessant’anni. Venerdì 13 novembre, a mostra conclusa, si terrà un’asta online che proporrà quasi duecento locandine di film, oltre cento libri delle prime edizioni delle opere di Fleming, una selezione di orologi che
hanno adornato il polso di James Bond sul set nel corso degli anni e un’auto di Bond per eccellenza, l’Aston Martin DB5. Con prezzi che vanno da 100 a 120.000 sterline, l’asta offrirà ai fan e ai collezionisti la possibilità di acquistare un pezzo della storia di 007.

L’asta sarà aperta dalla più grande collezione di libri di Ian Fleming esistente al mondo, assemblata in molti anni da un unico proprietario, comprendente rare prime edizioni, ma anche dattiloscritti e copie firmate da personalità del calibro di Winston Churchill, Raymond Chandler e Robert Kennedy. Tra i lotti spicca il dattiloscritto finale rivisto del quarto romanzo di Fleming dedicato a Bond, “Una cascata di diamanti” (1956), stimato 80.000-120.000 sterline, con numerose revisioni autografe che rivelano il modo di lavorare dello scrittore.