Home teatro sipario “I soldi non servono a niente”, brillante commedia al Teatro Prati –...

“I soldi non servono a niente”, brillante commedia al Teatro Prati – RECENSIONE

1872

Non si finisce un attimo di ridere, questo è sicuro: al Teatro Prati, andare a vedere “I soldi non servono a niente” è uno spettacolo garantito.

Commedia brillante di Nino Marino, in scena sino al 31 gennaio, è diretta e interpretata da un bravissimo Fabio Gravina nei panni di un ex galeotto che, di ritorno dalla prigione, trova a casa una situazione totalmente inaspettata. Ad accoglierlo c’è Ettore, un maggiordomo dall’aria sofisticata (alias Tito Manganelli), che lo introduce all’interno di un appartamento diverso dalla sua piccola e cara casetta. Dopo un’iniziale senso di confusione però ecco lei, la moglie Lucia (Arianna Ninchi), l’unica cui poter chiedere spiegazioni. Difronte, però, si trova una signora dell’alta classe, con la puzza sotto il naso che invece di accogliere il marito a braccia aperte lo accusa di essere uscito prima di prigione.

locQuesta è la sua colpa, causa l’indulto, ed è lo stesso rimprovero che gli muove il suo “amico” ed ex datore di lavoro, l’onorevole Giorgio Fraschetti, interpretato da un bravissimo Gianni Franco. Il politico aveva ormai trasformato quella casa nella sua nuova e temporanea dimora, anche perché aveva promesso al suo ex segretario che, durante la sua assenza in prigione, lui si sarebbe preso cura di moglie e figlia. I patti erano chiari e adesso questo indulto aveva rovinato tutto. E allora come fare? Ideona: si ritorna in prigione, giusto un altro annetto però, il tempo di sistemare le cose. A pensarci c’è l’avvocato di fiducia Penna (Matteo Micheli), che con il suo fascino cattura la moglie, ormai stanca e forse bisognosa di vere emozioni.

Il finale non ve lo sveliamo, ma è l’ipocrisia a fare da padrona in tutta la storia e il povero protagonista, con il suo sacco in mano, non può far altro che difendersi da tutto questo sistema se non con l’unica arma ormai a disposizione: raccontare tutta la verità. Si ritroveranno di nuovo poveri sì, ma non fessi. D’altronde a cosa servono i soldi? Proprio a niente …

 

TEATRO PRATI
Via degli Scipioni, 98
www.teatroprati.it
Orario Spettacoli:
dal Martedì al Venerdì: ore 21.00
Sabato: ore 17.30 e 21.00
Domenica e festivi: ore 17.30
Giovedì 17 dicembre: anche ore 17.30
Lunedì riposo