Home teatro sipario “Non ti fissare”, come ridere delle proprie ossessioni al Teatro Trastevere

“Non ti fissare”, come ridere delle proprie ossessioni al Teatro Trastevere

1016

Un sociopatico iperconnesso, un malato immaginario, una donna in carriera sin troppo dedita al suo lavoro, un erotomane in cerca di nuove avventure e una donna con il pensiero assiduo del matrimonio: cinque personaggi in cerca d’autore, o meglio in cerca di una soluzione alla propria ossessione. “Non ti fisare – Tu chiamale se vuoi ossessioni” è la commedia, ironica e frizzante – in scena al Teatro Trastevere sino al prossimo 31 gennaio – che prende in giro le manie, gli assilli di cinque sconosciuti.

non ti fissarePer un caso fortuito (il guasto di un autobus), cinque passeggeri si ritrovano a condividere tempo e spazi in una serata a tratti assurda e paradossale. Un testo, di Maria Antonia Fama e Lorenzo Misuraca, con la regia di Velia Viti, ben scritto e soprattutto dinamico, in grado di far interagire i personaggi, in un continuo rimescolamento di storie, pensieri e parole. Passato, presente e futuro si amalgamano nel racconto che pian piano viene fuori da ciascuno di questi personaggi, soli con le proprie ossessioni. Il loro universo tragicomico prende vita e il sorriso, a volte, lascia spazio alla riflessione sarcastica su tutte quelle paranoie, ansie e paure che tormentano le nostre vite.

La bravura degli attori della compagniaComerisolverein2dà il tocco finale: sul palcoscenico, insieme ad Alessandro Di Somma, Maria Antonia Fama ed Ermenegildo Marciante, si aggiungono due nuovi ed altrettanto talentuosi interpreti, Lidia Miceli e Francesco Bonaccorso. Giovani e validi artisti alle prese con una commedia che induce lo spettatore, quasi per intuito, ad identificarsi con il proprio personaggio preferito, o meglio con l’ossessione che riconosce come maggiormente sua, per trovare insieme una soluzione o semplicemente per riderci su.

Teatro Trastevere
Via Jacopo de’ Settesoli 3 – Roma