Home news Pubblicato il diario di Giulio Prunai, più di mille pagine di un...

Pubblicato il diario di Giulio Prunai, più di mille pagine di un deportato

83

Mille pagine di testo manoscritto per raccontare oltre settecento giorni trascorsi nei lager nazisti: il diario di Giulio Prunai è una delle testimonianze più estese e dettagliate mai rese da un prigioniero di guerra italiano. Dopo una lunga e accurata opera di trascrizione a cura della figlia Maria – a partire da una versione dattiloscritta preparata dallo stesso Prunai negli anni Settanta – il documento è oggi finalmente pubblicato col
titolo “La sboba” (3 tomi per 1.096 pagine complessive) dall’editrice
fiorentina Polistampa in occasione del Giorno della Memoria. L’opera, attesissima dai ricercatori e realizzata con il sostegno del Ministero dei Beni culturali, della Fondazione Cr di Firenze e della sezione fiorentina dell’Anei (Associazione nazionale ex internati), è arricchita da un ampio commento dello storico Nicola Labanca, docente all’Università di Siena tra i massimi studiosi italiani di storia militare. Giulio Prunai (Siena 1906 – Firenze 2002), soprintendente archivistico per la Toscana dal 1954 al 1971, era tenente commissario della Regia Marina quando l’8 settembre 1943 fu catturato a Tolone, andando incontro alla deportazione dopo essersi rifiutato di aderire alla Repubblica di Salò. Farà ritorno a casa soltanto alla fine della guerra, nel settembre 1945, dopo due anni di internamento tra Germania e Polonia. Nel suo diario, scritto con mezzi di fortuna e mantenuto segreto per tutta la durata della prigionia, traccia un affresco
quanto mai nitido e minuzioso della vita nei campi di concentramento:
una storia giornaliera della fame, del freddo, del lavoro coatto, delle violenze, dei crimini di guerra e degli altri avvenimenti che costarono la vita a circa cinquantamila internati e segnarono per sempre tutti gli altri. “Un testo straordinario”, spiega il professor Labanca, “praticamente unico nella letteratura concentrazionaria italiana, utilissimo e chiarificante su moltissime delle questioni oggi in discussione fra gli esperti”.