Home news Roma, Ignazio Marino ritira le dimissioni, caos nel Pd

Roma, Ignazio Marino ritira le dimissioni, caos nel Pd

928

Il tira e molla degli ultimi giorni ha avuto una fine: il sindaco di Roma Ignazio Marino ci ripensa e ritira le dimissioni.

“Il sindaco di Roma, Ignazio Marino ha firmato la lettera con la quale ritira le dimissioni presentate lo scorso 12 ottobre“, si legge in una nota il Campidoglio. Se non fosse intervenuto questo ripensamento, le sue dimissioni sarebbero state effettive a partire dal 2 novembre.

Intanto, sempre dal Campidoglio, giunge notizia delle dimissioni di un’altra figura chiave, quella di Marco Causi. “Ho appena consegnato la mia lettera di dimissioni dall’incarico di vicesindaco di Roma Capitale”, si legge in una nota.

Nel pomeriggio, al Nazareno, si è tenuto un incontro tra il commissario del Pd a Roma, Matteo Orfini, e i consiglieri Dem, che si sarebbero detti pronti a dimettersi in massa nel caso in cui Ignazio Marino avesse deciso di restare alla guida del Campidoglio.

Per staccare la spina al governo servono le dimissioni contestuali di 25 consiglieri comunali, ma il Pd ne conta 19. Per raggiungere la quota serviranno i voti dell’opposizione, ma in casa dem alcuni consiglieri hanno detto di essere indisponibili a votare con la destra. Più probabile che chiederà una mano ai due consiglieri della Lista Marchini o al Movimento 5 Stelle.

Poco prima Marino, rispondendo a chi gli chiedeva se avrebbe ritirato le proprie dimissioni, aveva detto: “Sto riflettendo. Comunicherò presto le mie decisioni alla figura istituzionale che è la presidente dell’assemblea capitolina Valeria Baglio”.