Home teatro “LA TRINACRIA É FEMMINA” A TEATROSOPHIA 8/10 APRILE

“LA TRINACRIA É FEMMINA” A TEATROSOPHIA 8/10 APRILE

112

I VETRI BLU & CENTRO STUDI LA PARABOLA

Presentano

 

 “LA TRINACRIA E’ FEMMINA”

Concerto Reading di Ilenia Costanza

Con 

ILENIA COSTANZA, LORENZA VETRO e MONICA TENEV

VENERDÌ 8, SABATO 9  – ore 21 e DOMENICA 10 APRILE – ore 18,0o

TEATROSOPHIA

Via della Vetrina, 7 – Roma

Venerdì 8 sabato 9 e domenica 10 aprile 2022 a Teatrosophia, nel cuore di Roma, arriva la Sicilia in tutta la sua femminilità, con annesso aperitivo offerto dalla casa e vino rosso siculo.

Partita nel 2013 dalla Città del Gusto del Gambero Rosso, in cui Ilenia Costanza e Lorena Vetro raccontavano la loro terra preparando cazzilli e caponata, nel 2016 “La Trinacria è Femmina”, con un’orchestra tutta al femminile, debutta nella straordinaria cornice della Valle dei Templi di Agrigento, davanti al Tempio di Giunone, per proseguire in varie regioni, presentando anche il CD Live contenente i brani più significativi dello spettacolo.

Considerateci le Gorgoni che danno senso alla Trinacria: Medusa, che rappresenta la perversione intellettuale; Steno, la perversione morale; ed Euriale, la perversione sessuale. Ma lasciamo a voi la distribuzione dei ruoli!

Un divertente e poetico concerto reading che racconta la Sicilia partendo dal lessico femminile delle parole che la caratterizzano…“Siccità è femmina…- dice la Costanza – Santa Rosalia e Sant’Agata sono femmine. Imprenditoria è femmina… selvaggia e disonorata però. L’emigrazione è femmina; la mafia lo è; la maschera di Pirandello e la roba di Verga. Ma anche la vigna, la mandorla e l’arancia. E il pistacchio. Sì, perché da noi il pistacchio si chiama ‘a fastuca! E diventa femmina… come la bellezza!”. 

Ilenia Costanza cunta (racconta) la sua terra con le parole dei più grandi scrittori, da Pirandello a Quasimodo, da Buttitta a Bufalino e Sciascia; mentre Lorena Vetrol’ultima Cantastorie, voce portentosa e coinvolgente, con la sua chitarra canta le leggende: Rosa Balistreri, Otello Profazio, Nonò Salamone; senza tralasciare contaminazioni da Domenico Modugno a Mercedes Sosa e Marlene Dietrich… La Leggenda di Colapesce, Barbablù, Amara Terra mia, Lili Marleen, Malarazza, Qua si campa d’aria e tante altre, fino al tripudio del pubblico che si commuove e ride nel contempo, mentre le note dell’isola bella vibrano grazie al flauto traverso, all’ottavino e al bandoneon di Monica Tenev.

Bastano una donna e un tamburo, per fare scoppiare una rivoluzione” , e sarà vero, vista l’energia delle tre artiste, che spinge il pubblico a “dimenarsi” sulle poltrone; in uno show che sazia anche, perché non tralascia la cucina (femmina anche lei!), dal cannolo e la sua simbologia all’invidiosa astuzia che generò la sarda a beccafico; svelando trucchi, ricette e origine di una cucina povera di materia prima e ricca di sapore… il sapore di quella primordiale ricchezza che è l’amore.

“LA TRINACRIA E’ FEMMINA” 

concerto reading di Ilenia Costanza 

LORENA VETRO – Cantastorie  – voce e chitarre

ILENIA COSTANZA – Cuntastorie – voce narrante e percussioni 

MONICA TENEV – Flauto traverso, ottavino e bandoneon

Luci GLORIA MANCUSO

Fonica DANILO CARAMANNO

Scene ENZO PISCOPO

Trucco IDA MONTANARI – MAKE UP SCHOOL

Produzione I VETRI BLU & CENTRO STUDI LA PARABOLA

TEATROSOPHIA via della Vetrina 7 – Roma

Venerdì 8 aprile h 21:00

Sabato 9 aprile h 21:00

Domenica 10 aprile h 18:00

Biglietti:

Intero € 18 euro – ridotto € 15 (inclusa tessera)

Dopo teatro con buffet e vini siciliani offerto da Teatrosophia