Home oltre Roma “Quei due”, Tullio Solenghi e Massimo Dapporto insieme in scena

“Quei due”, Tullio Solenghi e Massimo Dapporto insieme in scena

811

Ultimo appuntamento per la Stagione Teatrale 2015-16 del Teatro G.B. Pergolesi, martedì 29 marzo 2016 alle ore 21, Massimo Dapporto e Tullio Solenghi sono i protagonisti di QUEI DUE di Charles Dyer, per la regia di Roberto Valerio. L’adattamento del testo è di Massimo Dapporto, le scene sono di Massimo Bellando Randone, i costumi di Morris Verdiani le musiche di Brentmont. La produzione è di Star Dust Show Producetions. Una gara di bravura tra due consolidati interpreti della scena italiana che giocano con due personaggi davvero insoliti.

Massimo Dapporto e Tullio Solenghi per la prima volta insieme in scena sono rispettivamente Charlie e Harry, barbieri della periferia londinese che vivono assieme da una trentina d’anni, con tutte le dinamiche di due coniugi provati da una vita fatta ormai di continui litigi e battibecchi. La commedia, tra un tentativo di suicidio e un’importante udienza in tribunale, presenta una serie di piccoli/grandi colpi di scena e soprattutto spinge il pubblico a riflessione su temi sempre attuali.

Dapporto e Solenghi vestono i panni che, al cinema, furono di Richard Burton e Rex Harrison. Una splendida commedia sull’amore. Un amore che dura per tutta una vita. Un amore fatto di attenzioni, di cure reciproche, di affetto; e naturalmente di continui litigi, ripicche, dispetti e plateali scenate. Un vero amore. I protagonisti “intrappolati” da tanti anni in una barberia situata in un sottoscala dove hanno condiviso gran parte delle loro irrisolte vite; un sottoscala dagli echi dostoevskiani in cui i protagonisti si torturano reciprocamente senza sosta incapaci di risparmiarsi l’un l’altro fino allo sfinimento, in una quotidianità paralizzante e asfissiante come l’odore di gas che fuoriesce dalla vecchia caldaia e che appesta l’aria del loro negozio. Eppure Harry e Charlie sono legati indissolubilmente e disperatamente.

Martedì 29 marzo alle ore 21 al Teatro Pergolesi di Jesi