KlezRoym. Onde di suono mediterranee

KlezRoym. Onde di suono mediterranee

116
CONDIVIDI

Forte del grande successo delle prime date, prosegue In Musica”, la rassegna nell’ambito di ArtCity 2018 curata da Cristina Farnetti dedicata alla musica senza confini eseguita nei meravigliosi luoghi del patrimonio storico – artistico, architettonico e paesaggistico del Polo Museale del Lazio. Undici concerti che attraversano gli stili musicali più svariatiguidando il pubblico alla riscoperta delle perle nascoste del territorio laziale.

Domenica 22 luglio alle 18.30 la Chiesa di San Pietro a Tuscania (Vt) ospiterà proprio uno di questi straordinari viaggi musicaliKlezRoym. Onde di suono mediterranee.

Con centinaia di concerti all’attivo e migliaia di dischi venduti in tutto il mondo, i KlezRoym sono considerati uno dei più importanti complessi europei di musica Klezmer e hanno recentemente festeggiato i venti anni di attività con una compilation (KlezRoym 1996-2016) che raccoglie tutti i brani più importanti del loro repertorio. Alla base delle loro composizioni originali, una preziosa ricerca sul patrimonio musicale ebraico ashkenazita (ebraico dell’Europa Orientale) e sefardita (ebraico-spagnolo), combinato con le diverse culture musicali del Mediterraneo e del Medio Oriente, compreso il folklore est-europeo e zigano.

Il risultato è un suggestivo ponte sonoro tra musica popolare e jazz contemporaneo, un suono allo stesso tempo passionale e contemplativa, a volte selvaggio e frenetico, un eccellente esempio di forma musicale tradizionale in continuo sviluppo, che interagisce con successo con sonorità più moderne.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO