Scoprire a Firenze “Il mondo che non c’era”, l’America prima di Colombo

Scoprire a Firenze “Il mondo che non c’era”, l’America prima di Colombo

828
CONDIVIDI

Il mondo che non c’era, ovvero le civiltà precolombiane che hanno prosperato per migliaia di anni in America, prima della “scoperta”. A questo mondo, divenuto solo dopo “nuovo” dal punto di vista degli europei, è dedicata a Firenze la mostra che si tiene dal 19 settembre al 6 marzo 2016 al Museo archeologico nazionale. La mostra, promossa dal Centro Studi e Ricerche Ligabue di Venezia e dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, e’ curata da Jacques Blazy, specialista delle arti pre-ispaniche della Mesoamerica e dell’America del Sud. Nel comitato scientifico anche André Delpuech, capo conservatore al Musée du Quai Branly di Parigi, e l’archeologo peruviano Federico Kauffmann Doig. L’esposizione consente di scoprire, attraverso oltre 230 opere d’arte, le società, i miti, le divinità, i giochi, le scritture, le capacità tecniche e artistiche degli antichi popoli americani. In mostra una serie di opere d’arte espressione delle grandi civiltà della cosiddetta Mesoamerica (gran parte del Messico, Guatemala, Belize, una parte dell’Honduras e del Salvador) e delle Ande (Panama, Colombia, Ecuador, Perù e Bolivia, fino a Cile e Argentina): dagli Olmechi ai Maya, agli Aztechi; dalla cultura Chavin, a quelle Tiahuanaco e Moche, fino agli Inca. La mostra presenta pezzi eccezionali e unici appartenuti alle collezioni medicee, così come opere preziose del Musée du Quai Branly di Parigi e di prestigiose collezioni internazionali. Ma il nucleo centrale sarà costituito da una vasta selezione di opere delle antiche culture americane – mai esposte fino ad oggi – appartenenti alla Collezione Ligabue.

Info: http://www.archeotoscana.beniculturali.it/index.php?it/146/firenze-museo-archeologico-nazionale

www.csrl.it

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO