Champions, Roma agli ottavi senza gol e idee travolta dai fischi dei...

Champions, Roma agli ottavi senza gol e idee travolta dai fischi dei tifosi

542
CONDIVIDI

La Roma è uscita distrutta dall’Olimpico ieri notte. Tutto lo stadio l’ha sommersa di fischi, accusandola di non proporre un calcio eccellente, visto qualche mese fa e di centrare il passaggio del turno solo sperando sulle disgrazie altrui. Rischiosissimo l’0-0 maturato un minuto prima che finisse Leverkusen-Barcellona, entrambe sull’1-1. Un gol dei tedeschi avrebbe buttato fuori dalla Champions gli uomini di Garcia. Prima però con alcune azioni pericolose in area ci stava per riuscire proprio il Bate Borisov. Decisivo più volte il portiere polacco Szczensny che ha chiuso la porta ai bielorussi con parate decisive.

La qualificazione alla fine è arrivata ma nessuno, tranne Pallotta, sembra contento e soddisfatto vermanete. I tifosi ce l’hanno proprio con la dirigenza americana e con Garcia del quale non condividono più la sua ideologia. Anche ieri la curva sud dell’Olimpico era vuota e poi nel pomeriggio ancora una volta l’ennesima contestazione a Trigoria. “Noi non siamo americani” è uno dei tanti slogan indirizzato alla proprietà statunitense. Gettonato anche “E’ più facile che smetti di fumare che noi di lottare”, il riferimento a Sabatini. Una presa di posizione netta della tifoseria più calda, che ha poi continuato la protesta allo stadio, non presentandosi in curva. I presenti, invece, hanno caricato la squadra di fischi assordanti. La testimonianza di come i tifosi romanisti abbiano vissuto male i minuti finali del match, con le orecchie tese al risultato di Leverkusen e con la paura di subire gol dal Bate Borisov. L’ultimo ad arrendersi in campo è stato Nainggolan. “I fischi- le sue parole a fine partita- in questo momento non ci importano. Credo che i tifosi siano contenti quanto noi per la qualificazione, che era l’unica cosa che davvero ci premeva”.

Ora con tanta amarezza per la Roma è arrivato il momento di guardare alla sfida di domenica contro il Napoli al San Paolo. Tornato Salah, non resta che recuperare Gervinho. L’ivoriano, a sorpresa, era stato inserito da Rudi Garcia nella formazione titolare, ma si è fermato durante il riscaldamento ed è finito direttamente in tribuna. La Roma dovrebbe tornare alla vittoria tra le mura dei partenopei perché quella di ieri è stata la quinta gara consecutiva senza successi. I giallorossi sono a secco dal derby 2-0 dell’8 novembre scorso. Poi tra A e Champions 3 pareggi e 2 sconfitte.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO