Mostra del cinema di Venezia: va in scena Johnny Depp in “Black...

Mostra del cinema di Venezia: va in scena Johnny Depp in “Black Mass”

816
CONDIVIDI

“Black Mass” è il titolo del nuovo film che Johnny Depp ha presentato, in anteprima mondiale, alla 72esima edizione della Mostra del cinema di Venezia. La pellicola, diretta del noto regista Scott Cooper, uscirà nelle sale cinematografiche statunitensi venerdì 18 Settembre,  mentre dovrebbe arrivare nel nostro paese l’1 Ottobre.

Applausi al termine della prima del film fuori concorso, che vede protagonista uno straordinario Johnny Depp trasformato anche fisicamente nel noto gangster di Boston, Jimmy Whitey Bulger,condannato a due ergastoli e ancora oggi in carcere a 86 anni.

La trama del film è tratta dal libro scritto da Dick Lehr e Gerard O’Neil, Black Mass: The True Story of an Unholy Alliance Between the FBI and the Irish Mob. Ambientato a Boston negli anni settanta, narra le vicende di un criminale irlandese che si lascia convincere dall’agente John Connolly (Edgerton) a collaborare con l’FBI, nel tentativo di fermare l’ascesa di un’altra famiglia mafiosa.

Tanti gli artisti, italiani ed internazionali, ospiti della Biennale, dal 2 al 12 Settembre al Lido di Venezia. Tra questi il noto regista messicano Antonio Cuaròn, premio Oscar per “Gravity”, il quale ha esordito in qualità di presidente di giuria internazionale; Luca Argentero, Paz Vega, anche lei nelle vesti di giurata; Isabella Ferrari; Mariagrazia Cucinotta, la super top Alessandra Ambrosio e Vasco Rossi, protagonista del documentario di Fabio Masi.

Tra le pellicole più attese “The Danish Girl” di Tom Hooper, che potrebbe far vincere un secondo Oscar a Eddie Redmayne  ed “Everest” con un cast d’eccezione: Josh Brolin, Robin Wright, Sam Worthington, Emily Watson e il protagonista Jake Gyllenhaal, in una pellicola che coniuga abilmente azione e dramma.

In gara anche quattro film italiani: Marco Bellocchio con “Sangue del mio sangue”, Piero Messina con “L’attesa”, Luca Guadagnino con “A bigger splash” e Giuseppe Gaudino con “Per amor vostro”.

Cristina Graceffa

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO