Home musica Bologna Modern – Festival per le musiche contemporanee, si parte con Malipiero...

Bologna Modern – Festival per le musiche contemporanee, si parte con Malipiero e Casella

198

L’evoluzione del linguaggio musicale italiano attraverso due generazioni di compositori distanti fra loro un secolo. Celebra i nati negli anni Ottanta dell’Ottocento, che rinnovarono la cultura musicale nazionale in prospettiva europea, e i nati negli anni Ottanta del Novecento, che hanno superato la post avanguardia e tracciato le linee della nuova musica, la quarta edizione di Bologna Modern – Festival per le musiche contemporanee. Inaugura i quattro appuntamenti sinfonici del festival il concerto dell’Orchestra del Teatro Comunale diretta da Yoichi Sugiyama, in programma giovedì 3 ottobre alle 20.30 al Teatro Comunale di Bologna. Un gradito ritorno per il direttore giapponese, specialista nel repertorio contemporaneo e già protagonista del festival lo scorso anno con il balletto di Iannis Xenakis Kraanerg.

Apre la serata la Sinfonia n. 6 per orchestra d’archi di Gian Francesco Malipiero (1882 -1973). Scritta nel 1947, la pagina si riallaccia al modello italiano del Concerto grosso, anziché del sinfonismo viennese, per l’andamento dialogico fra l’insieme orchestrale e gli strumenti solisti. Della forma secentesca non condivide però i limiti architettonici, animata com’è dal gusto per la fantasia melodica. Segue Untitled per orchestra da camera di Vittorio Montalti, classe 1984 e “Leone d’Argento” alla Biennale di Venezia nel 2010. Il brano, nato nel 2011, «mette in scena la lotta tra due figure materiche, quasi dipinte su una tela», scrive l’autore. Chiude il Concerto per violino, violoncello, pianoforte e orchestra op. 56 di Alfredo Casella (1883 – 1947), composto nel 1934 e dedicato al direttore Erich Kleiber e ad Alberto Poltronieri e Arturo Bonucci, che con Casella costituirono un trio valido tanto nel campo dell’interpretazione del repertorio quanto in quello dell’esplorazione di nuove esperienze. A eseguire questa pagina carica di echi del folclore meridionale è chiamato il Trio Magritte, che schiera Francesco De Angelis al violino, Reljia Lukic al violoncello e Emanuela Piemonti al pianoforte.

A introdurre il concerto, alle ore 18 nel foyer Respighi del Teatro Comunale, l’intervento del musicologo Guido Salvetti,che apre il ciclo di conferenze di Bologna Modern “Parlare contemporaneo”, a ingresso libero.

I biglietti per il concerto – a 15 e a 10 euro – sono in vendita online e presso la biglietteria del Teatro Comunale di Bologna (Largo Respighi 1). Per info: 051 529019 – boxoffice@comunalebologna.it – www.tcbo.it 

Bologna Modern #4 è realizzato dal Teatro Comunale di Bologna con la Fondazione Musica Insieme, grazie al sostegno di Pelliconi, e in collaborazione con MAMbo e FontanaMIX Ensemble. Il festival prosegue fino al 30 ottobre con numerosi appuntamenti fra concerti sinfonici, cameristici, recital, spettacoli e conferenze.