Home news cronaca Roma-Parigi, sessant’anni dopo ancora sorelle…

Roma-Parigi, sessant’anni dopo ancora sorelle…

1735

“Seule Paris est digne de Rome; seule Rome est digne de Paris”, “Solo Parigi è degna di Roma e solo Roma è degna di Parigi”. Era il 30 gennaio 1956 quando a Roma, il sindaco Salvatore Rebecchini e il presidente del Consiglio comunale di Parigi Jacques Féron, firmarono Il ‘giuramento di fratellanza’, l’unico gemellaggio in essere ancora oggi per entrambe le città. A distanza di 60 anni il patto esclusivo tra le due capitali viene rinnovato  con due cerimonie. La prima a Parigi, il 29 gennaio, all’Hotel de Ville, la seconda il 30 gennaio in piazza del Campidoglio, dal commissario straordinario di Roma Francesco Paolo Tronca e dal sindaco di Parigi Anne Hidalgo. Verranno illuminati con i colori delle due rispettive bandiere anche alcuni monumenti: per Parigi l’Hotel de Ville, la Tour Montparnasse e la Grand Roue di Place de la Concorde; per Roma il Campidoglio, Piazza del Popolo e Ponte Sant’Angelo. Grazie alla collaborazione tecnica di ACEA, il simbolo del ponte che unisce – evocato 60 anni fa nella stipula del gemellaggio – si rivestirà di una nuova luce con l’inaugurazione dell’illuminazione a led dei 16 ponti sul Tevere, un’opera che rientra nel piano giubilare. Per l’occasione i Musei Capitolini e il Museo Napoleonico saranno aperti gratuitamente al pubblico dalle 17 alle 22. Alle 21,30, inoltre,  il Teatro Argentina ospita la serata evento: “Corrado Augias racconta Roma e Parigi. Due città eterne” (ingresso libero su prenotazione alla mail: community@teatrodiroma.net) . Augias, affiancato dall’attrice Viola Graziosi, conduce gli spettatori in un viaggio alla scoperta dei segreti e delle molte storie che hanno contribuito a rendere le due città Capitali uniche. Per Roma Augias ha scelto l’assassinio di Cesare, episodio fra i più celebri dell’intera storia dell’Occidente. Se gli esecutori dell’omicidio sono noti, molto meno note sono le ragioni che motivarono il gesto e le conseguenze che ne derivarono. Tra l’altro i congiurati colpirono Giulio Cesare quasi esattamente nel luogo dove sorge il Teatro Argentina. Per Parigi, invece, sarà evocata la nascita del Louvre: chi ebbe l’idea? Da dove venivano le prime collezioni? Il 30 gennaio 1956, a Roma, Rebecchini e Jacques Féron, suggellarono il gemellaggio con il motto “Solo Parigi è degna di Roma e solo Roma è degna di Parigi” e per l’occasione alle Terme di Diocleziano, di fronte al Planetario, fu innalzata una colonna di epoca romana sulla quale venne fissata una nave a vele spiegate, emblema di Parigi (denominata dagli antichi romani Lutezia Parisiorum) mentre una riproduzione della statua della Lupa capitolina fu donata a Parigi e posta in Square Paul Painlevé. Il “giuramento di fratellanza” rappresenta un patto esclusivo, l’unico gemellaggio in essere per entrambe le città.