Home mostre EPVS, Bankeri, Veronica Montanino, Innocenzo Odescalchi, Silvia Scaringella presentano: ARTIFICIALIS...

EPVS, Bankeri, Veronica Montanino, Innocenzo Odescalchi, Silvia Scaringella presentano: ARTIFICIALIS Opening 7 maggio | 18.00 – 21.00 Spazio espanso Palazzo Capizucchi Piazza di Campitelli 3, Roma Fino al 24 maggio | martedì – venerdì | 16.00 – 19.00

79

EPVS, Bankeri, Veronica Montanino,

Innocenzo Odescalchi, Silvia Scaringella

presentano:

 

ARTIFICIALIS

Testo critico di Roberto Bilotti

 

Opening 7 maggio | 18.00 – 21.00

 

Spazio espanso

Palazzo Capizucchi

Piazza di Campitelli 3, Roma

Fino al 24 maggio | martedì – venerdì | 16.00 – 19.00

 

Il 7 maggio presso lo Spazio Espanso di Palazzo Capizucchi inaugura Artificialis, mostra collettiva voluta, curata e prodotta da EPVS, Bankeri, Veronica Montanino, Innocenzo Odescalchi, Silvia Scaringella che trasforma l’ex biblioteca dello storico palazzo in una grande Wunderkammern.

Fino al 24 maggio, lo spazio Espanso ospita una natura sui generis che, poeticamente alterata dal tocco degli artisti, innesca volutamente uno corto circuito tra verità e finzione, tra naturalia ed artificialia. Proprio come in un’antica Wunderkammern, gli spazi di Palazzo Capizucchi, si popolano di elementi fantastici che, in silenzioso dialogo tra loro, indagano e riflettono sul concetto di “Artificiale”, tema imprescindibile in quella che si potrebbe definire l’epoca della post riproducibilità tecnica, visto che le moderne tecnologie non sono solo in grado di riprodurre ma anche di produrre da zero.

 

Ciascuno dei cinque artisti con due opere, realizzate appositamente per la mostra, sviluppa una propria visione del concetto di Artificialis che, derivato da artificio, a livello semantico, ha compiuto un lunghissimo viaggio; significando dapprima i prodotti creati dall’uomo ad imitazione del naturale, tra cui anche i manufatti artistici; poi i materiali non naturali; fino ad arrivare a connotare quanto realizzato dalla macchina ad imitazione dell’umano.

 

EPVS con Jungle e Flower, approfondisce il concetto di artificio che: “Ha l’enorme responsabilità di dover trovare l’equilibrio con la natura.” L’artista, secondo la sua poetica caratterizzata da un aspetto giocoso e dalla ricerca di medium rappresentativi e carichi di significato, veicola un messaggio che, nutrendosi di contrasti, parla di ecologia. Adoperando materiali che non hanno nulla di naturale, come il plexiglas neon con cui crea un giungla psichedelica in Jungle e tessuti sintetici che poi vengono pesantemente schiacciati da barre di ferro in Flower, rappresenta la natura attraverso ciò che la distrugge, creando un ossimoro che si traduce in un allarmante verità.

 

Bankeri con It makes me wonder crea un’installazione immersiva in cui le pareti della stanza si trasformano in un bosco a grandezza naturale, abitato da animali fantastici. Partendo dal recupero di atlanti geologici antichi, Bankeri, con il suo linguaggio pop, ironico e dissacrante, riflette sul concetto di comunicazione, che approfondisce nell’opera Bones Flowers in cui tramuta delle ossa in una perenne infiorescenza, dimostrando che non esiste una visione univoca della realtà, ma che la stessa può essere interpretata da diversi punti di vista.

 

Veronica Montanino, con i suoi lavori: N.C. non classificati e Mappe Mondi, sottolinea come i sistemi classificatori di cui l’uomo si è sempre avvalso per spiegare razionalmente la natura siano ormai inefficaci. L’artista dimostra la fallacia di un sapere lineare a favore di una conoscenza reticolare, creando un ambiente immersivo in cui mette alla prova il visitatore giocando su una falsificazione bidimensionale, ove realtà e finzione convivono. Dimostrando che la complessità deve essere accettata per quello che è che: “Ciò che sfugge il più delle volte è incomunicabile anche mediante linguaggio articolato”.

tramite verso una verità assoluta e non riveste neanche un ruolo pedagogico ma, piuttosto, è un artificio che dura da secoli”.

 

Silvia Scaringella, con Metamorfosi dell’umano lavora sull’dea dell’uomo come “identità metamorfica, che si trasforma nelle epoche grazie alla sua capacità progettare un artificio”, manifestando che, paradossalmente, “l’evoluzione umana configurandosi come una sempre più invadente progettazione dell’artificiale mette a rischio se stessa andando a distruggere l’ambiente che la ospita”.

 

Come emerge da questo rapido excursus, in maniera delicata, a tratti ironica e giocosa, i cinque artisti, attivando una natura incantata, mettono al centro l’uomo, dimostrando la necessità di abbandonare la fiducia in un sapere di stampo enciclopedico a favore dell’adozione di una visione critica e attiva della realtà.

 

La mostra è visitabile tutti i giorni fino al 24 maggio su appuntamento. Per info chiamare il: +39 347 901 6034

 

 

 

EPVS, Germania, vive e lavora a Roma

2023: SCREENS Fortezza Orsini, Sorano; Arte in Nuvola, Roma; Paratissima, Torino

2022: Opera permanente Culture Club arte pubblica per il comune di Roma

2021: installazioni site specific, Istituto di Cultura Mazowiecki di Varsavia, Roma, Torino, Palermo e Rossano

2020: BIAS, Venezia e giardino storico Barbarigo di Valsanzibio

2019: THE POOL, Macro, Roma

2018: MUTma(ß)ungen on the bridge, Macro, Roma | ART MONSTERS ARTICOLO 3 Museo Palazzo della Penna, Perugia

2016 -2018: BIAS Biennale dell’Arte Sacra, Palazzo Donà dalle Rose Venezia e Museo Palazzo Riso, Palermo

2013 – 2018: interventi al MAAM di Roma, al DIF Museo Diffuso di Formello e alla Cittadellarte – Fondazione Pistoletto

 

Bankeri (Francesco Bancheri) vive e lavora a Roma

2022/23: Metamorfosi, Struttura Roma

2022: 8 minuti dal sole, Gerace (RC)

2021: Eventualmente femminile #lamateriasensibile, Palazzo Capizucchi, Roma

2021: Hide ‘N Seek, Art Gallery Temple University Roma

2019: DreamOn/Dreamoff e Stardust, Museo MACRO, Roma

2019: Microcosmo, Palazzo Doria Paphilj,Valmontone Roma

2018: Atelier, residenza presso MACRO di Roma

 

Innocenzo Odescalchi vive e lavora a Roma

2023: Geografie Cosmiche, Nuova Pesa, Roma

2022: Oltre, Associazione culturale Canova, Roma

2020: La Musa Evasiva, Museo Carlo Bilotti, Roma

2019: Infinito presente, GNAM, Roma

2018 Manifesto Palazzo Oneto, Palermo

 

Veronica Montanino vive e lavora a Roma

2023: Speculare, Sculture in Campo, Bassano in Tevrerina;

2022: In casa Esperimenti di trasparenza, edificio Lucio Passarelli, Roma;

2022: Meshwork, Palazzo Hercolani, Art City – Arte Fiera, Bologna;

2022: Appariscenze, Chiesa di San Martino, Gerace, Fondazione Rocco Guglielmo;

2020-21: Rami, Musei di Villa Torlonia, Roma; 2019 Isola Croma, Macro, Roma;

2018 Interno domestico, Galleria Russo, Roma; 2018: Disallineamenti, MARCA Museo delle Arti di Catanzaro;

2018: Abstracta Un secolo di astrattismo italiano Da Balla alla street art, Museo Gagliardi, Noto

 

 

Silvia Scaringella, vive tra Roma e Carrara, dove ha il suo studio

2024: Scultura pubblica, fondazione Fiumara D’arte Antonio Presti, Catania

2023: Parcours, Dakar, Senegal

2022: Murales scultoreo pubblico in collaborazione con Zedone street artist, Carrara

2021: Senza titolo, Museo di arte contemporanea di Palermo, Riso, Palermo

2021: Scultura, Circolo Ministero Affari Esteri, Roma

2020: Scultura, Tsigtao, Cina

2019: Scultura, Aeroporto di Roma Fiumicino / Aereoporto di Ciampino | WIP – mudaC museo d’arte contemporanea Carrara

Testo critico di Roberto Bilotti

 

 

 

 

Innocenzo Odescalchi, con Stati di Natura, in cui uomo, animale e macchina si fondono in un infinito disordine, parla di artificio a partire dall’arte, per dire che “L’opera d’arte non è un