Home teatro CHE DISASTRO DI COMMEDIA al Teatro Olimpico dal 26-09. Breve recensione

CHE DISASTRO DI COMMEDIA al Teatro Olimpico dal 26-09. Breve recensione

146

“CHE DISASTRO DI COMMEDIA”

numeri da record per la pièce

che fa impazzire il mondo

Lo spettacolo che incanta e diverte il pubblico di ogni età

di Henry Lewis, Jonathan Sayer, Henry Shields

traduzione Enrico Luttmann

con

Stefania Autuori, Luca Basile, Viviana Colais,

Valerio Di Benedetto, Alessandro Marverti,

Yaser Mohamed, Igor Petrotto, Marco Zordan

 regia

Mark Bell

Roma, 16 settembre 2019 – Dal Teatro Olimpico di Roma parte il tour di CHE DISASTRO DI COMMEDIA, rivoluzionario spettacolo dal successo planetario per la regia di Mark Bell. Per il quarto anno nella Capitale dal 26 al 29 settembre torna la commedia di respiro internazionale, prova di un’eccellenza artistica acclamata in tutto il mondo, prodotta per l’Italia da AB Management. Dopo un esordio travolgente, numeri da record per la scorsa stagione: 8 regioni, 29 teatri, 80 recite, 22 sold out, oltre 32.000 spettatori.

Il gioco del metateatro, tra battute dimenticate e scenografie che cadono a pezzi impone sulla scena la propria fisicità e disperazione in chiave comica e divertente, lasciando allo spettatore una finestra di risate e divertimento aperta sullo sgangherato palcoscenico.

Una compagnia teatrale di scarso successo prova a mettere in scena un giallo portandosi da soli sempre più verso un epilogo che sancirà un risultato di messa in scena come a solito disperato e, perché no, tragico. Tra incidenti di scena e inconvenienti di ogni genere, insieme ad una regia che con la sua presenza in scena causa gli equivoci e i disastri la compagnia riesce nonostante tutto a portare a termine la disastrosa rappresentazione; il divertimento e la notevole capacità degli attori in scena garantisce certamente risate e divertimento, facendoci riflettere allo stesso sulla natura stessa del teatro.

Consigliato per chi abbia voglia di ridere e per chi ama il teatro nella sua essenza più indefinibile e ritratta dalla realtà.