Home teatro Una Orestea viva da non perdere assolutamente, alla Pergola continua la magia

Una Orestea viva da non perdere assolutamente, alla Pergola continua la magia

1418

Bianca Rompato

Dal 26 gennaio al 7 febbraio il teatro la Pergola di Firenze accoglie la madre del teatro: la tragedia greca con l’ Orestea di Eschilo. La prima parte della trilogia, Agamennone, verrà messo in scena dal 26 al 31 gennaio mentre Coefone e le Eumenidi verranno interpretate dal 2 al 7 febbraio in un unico spettacolo.

L’ Agamennone, la cui regia è stata affidata all’occhio attento di Luca De Fusco, vede in scena un fiero Mariano Rigillo, una feroce Elisabetta Pozzi insieme ad una coinvolgente e tragica Gaia Aprea. Un’interpretazione attenta alla sua classicità, mixata ad un sottile simbolismo moderno, ha contribuito a rendere lo spettacolo vivo e ricco d’emozioni. Le luci e la scenografia giocano a creare un’atmosfera piena di patos la quale ci riporta alle origini della tragedia greca e alla sua funzione sociale.

Uno spettacolo degno della sua storia.