Home news cronaca Befana, l’Italia dei cento dolci… Ma può mancare il carbone?

Befana, l’Italia dei cento dolci… Ma può mancare il carbone?

2214

Tradizione antica, la calza della Befana viene riempita di solito di piccoli dolci, biscotti, liquirizia, caramelle, cioccolatini, croccanti. Ma ogni regione d’Italia ha le sue tradizioni. Anche per i dolci da consumare nel giorno dell’Epifania. Una delle più antiche ricette è la Pinza veneta, una sorta di pizza di polenta dolce, preparata con farina gialla e frutta secca. In Piemonte, si prepara la Focaccia della Befana. Un altro dolce tipico è il torrone. Tre i più famosi: quello di Cremona (più morbido), il beneventano (duro) e quello siciliano (croccante). Per i liguri non è festa senza gli anicini e la torta genovese di pistacchi. Il dolce più diffuso è la torta o ciambella che accomuna quasi tutti i Paesi europei, dove è conosciuta con nomi diversi e piccole varianti. Fatta di pasta brioche, arricchita con uva passita, mandorle o canditi, è caratteristica dei territori più freddi. Diffusi anche i biscotti erano i veri protagonisti della calza: di pasta frolla, glassati, alle mandorle o al cioccolato. I più famosi sono i Befanini toscani o della Lucchesia. Originari della Versilia, al Rhum o all’anice, sono ricoperti di glassa colorata e confettini. Molto simili sono i Befanotti pugliesi. Anche la frutta candita è tra i protagonisti della calza. E’ molto diffusa in Sicilia e in Costiera Amalfitana, che è famosa in tutto il mondo per le scorzette di arancia candite. Ma diffusissima è anche la frutta secca: noci e fichi vanno per la maggiore. Non bisogna dimenticare, infine, il carbone dolce. Come potrebbe mancare nella calza? E’ fatto con zucchero, albumi d’uovo e coloranti. Una ricetta? Eccola: Tempo: 15 min; Porzioni: Dosi per: 4 persone; Ingredienti: Alcol puro 10 g, Coloranti alimentari in polvere nero 5 g, Limoni gocce di succo 4, Zucchero semolato 300 gr, Acqua 100 g. Per chi avesse voglia di cimentarsi…