Home mostre contemporanea Dal Liberty al design, in mostra la “dolce vita” italiana prima di...

Dal Liberty al design, in mostra la “dolce vita” italiana prima di Fellini…

6154

E’ in corso dal 16 ottobre (fino al 17 gennaio 2016) al Palazzo delle Esposizioni di Roma la mostra Una dolce vita? Dal Liberty al design italiano. 1900-1940, ideata da Guy Cogeval e curata anche da Beatrice Avanzi, Irene de Guttry, Maria Paola Maino, in collaborazione con il Musée d’Orsay di Parigi. Nell’Italia di inizio Novecento – spiega una nota del Palazzo delle Esposizioni – le arti decorative, già eredi di un’importante tradizione artigianale e artistica, si fanno interpreti del desiderio di progresso di una Nazione che ha da poco conosciuto l’unità. Ebanisti, ceramisti e maestri vetrai lavorano spesso in collaborazione con i maggiori artisti del tempo, dando vita a un vero e proprio “stile italiano” destinato a influenzare la nascita stessa del design moderno. Si tratta di un periodo di “ottimismo paradossale”, di intensa creatività con, sullo sfondo, una società in profonda trasformazione, alimentata all’inizio dalle speranze del governo Giolitti, ma presto costretta a subire il trauma della Prima guerra mondiale e il tragico esito del regime mussoliniano. Per esplorare un simile contesto, la mostra procede attraverso un percorso cronologico composto da oltre cento opere e basato su un dialogo continuo tra arti decorative e arti plastiche. L’inizio del Novecento è caratterizzato dall’affermazione dell’Art Nouveau, noto in Italia come “stile Liberty” o “floreale”. A partire dall’Esposizione Internazionale delle Arti Decorative di Torino nel 1902, lo stile Liberty acquista via via una particolare originalità nelle opere di artisti come Carlo Bugatti, Galileo Chini, Eugenio Quarti, Ernesto Basile, Carlo Zen. La loro propensione per le linee curve ispirate alle forme della natura, con accenti talvolta esotici, si ricollega all’opera dei pittori divisionisti, vicini alle tendenze simboliste diffuse in tutta Europa e rappresentate in mostra da importanti quadri di Previati, Segantini, Morbelli, Pellizza da Volpedo. Al gusto Liberty, divenuto lo stile dominante della nuova classe borghese, si opporrà con la sua volontà “antipassatista” il Futurismo. Questo movimento d’avanguardia, nato nel 1909 dalla mente di Filippo Tommaso Marinetti, si estenderà tuttavia alla arti decorative solo dopo la Prima guerra mondiale, durante il cosiddetto “Secondo Futurismo”.

Nel 1915, Giacomo Balla e Fortunato Depero firmano un manifesto intitolato “Ricostruzione futurista dell’universo”, in cui si annuncia l’intento di estendere l’estetica futurista a tutti gli aspetti dell’arte e della vita. Questi due artisti, che dichiarano di voler ricostruire l’universo “rallegrandolo”, daranno vita a numerosi oggetti di arte decorativa e di uso quotidiano, dai mobili ai vestiti, dagli arazzi ai giocattoli. Durante gli anni del “Ritorno all’ordine” – che seguono, in tutta Europa, la stagione delle avanguardie – il recupero della cultura classica assume in Italia diverse declinazioni nell’ambito delle arti plastiche e decorative. Tra le versioni più interessanti ricordiamo la Metafisica di De Chirico e di Savinio, e il Realismo magico il cui maggiore rappresentante fu Felice Casorati. In maniera analoga, una visione incantata, sospesa tra ispirazione classica e gusto déco, caratterizza le ceramiche di Giò Ponti, o ancora le prime creazioni in vetro di Carlo Scarpa.

Per quanto riguarda la produzione architettonica e l’arredo, lo stile monumentale di Giovanni Muzio e Piero Portaluppi coincide con il ritorno al classicismo celebrato dal “Novecento“, il movimento sostenuto da Margherita Sarfatti e destinato a diventare il mezzo di espressione ufficiale del regime fascista. Negli stessi anni, il regime seppe tuttavia aprirsi agli esperimenti modernisti di artisti quali Giuseppe Terragni e Mario Radice (gli autori della famosa Casa del Fascio di Como), a cui si avvicinano le opere astratte di Fontana, Melotti o ancora Licini. Infine, nel campo delle arti applicate, lo stile razionalista – conformemente alle tendenze europee artisti come Albini, Baldessari, Figini e Pollini, segnano il passaggio verso la produzione industriale e il design nella sua accezione moderna. Tra le curiosità della mostra, il colorato tavolo da salotto realizzato, nel suo periodo dadaista, dal futuro pensatore reazionario Julius Evola, e l’arredo da bagno firmato da Marcello Piacentini per Fiammetta Sarfatti, figlia dell’amante di Mussolini, Margherita. E a proposito di Mussolini non manca il famosissimo Profilo Continuo firmato nel 1933 da Renato Bertelli.

Info: www.palazzoesposizioni.it