Home editoria “I miei primi 25 aprile”, alla Casa del Cinema Bernardo Bertolucci incontra...

“I miei primi 25 aprile”, alla Casa del Cinema Bernardo Bertolucci incontra il pubblico

1253

Giovedì 14 aprile alle ore 18 nella Sala Deluxe della Casa del Cinema di Roma, in largo Marcello Mastroianni 1, si terrà l’incontro pubblico con il Maestro Bernardo Bertolucci e la partigiana “Rina” per presentare il libro per bambini “I miei primi 25 aprile”.
All’incontro saranno presenti Adriano Turrini, presidente di Coop Alleanza 3.0, e Claudio Silingardi, direttore dell’Insmli. Saranno inoltre presenti Alessandro, Elena, Giorgia, Jules, Leonardo e Martina, alcuni dei bambini che con le loro domande ai partigiani hanno “raccolto” i racconti che sono finiti successivamente nelle pagine del libro.
L’incontro sarà moderato dalla giornalista Rai Roberta Ammendola.
L’appuntamento è ad ingresso gratuito.

Che cos’è il 25 aprile? Perché gli autobus hanno le bandierine dell’Italia sul “muso” e non si va a scuola? Perché si canta “Bella ciao”?
Per rispondere a queste e altre domande, esce “I miei primi 25 aprile”, il nuovo progetto della piccola casa editrice bolognese L’Io e il Mondo di TJ.
Con grande entusiasmo tre grandi personalità hanno accolto l’invito a raccontare ai bambini la Resistenza, la Liberazione, i Partigiani: sono il regista Bernardo Bertolucci e i partigiani Ibes Pioli “Rina” e Renato Romagnoli “Italiano”.
Attraverso i loro ricordi “I miei primi 25 aprile” vuole spiegare ai giovanissimi una storia che è ormai uscita dalle narrazioni familiari con la scomparsa della generazione che l’ha vissuta. Proprio per questo L’Io e il Mondo di TJ ha ritenuto indispensabile ripartire da qui: dai bambini che oggi hanno 6-10 anni e sono probabilmente la prima intera nuova generazione i cui nonni e nonne non hanno vissuto gli anni del fascismo e della guerra.
Per evitare un’esposizione astratta e di difficile comprensione (ricordiamo che alla scuola primaria difficilmente si arriva a parlare della Seconda Guerra Mondiale) Bernardo Bertolucci, “Rina” e “Italiano” hanno trovato le “chiavi” giuste per raccontare ai più piccoli questo fondamentale momento di storia italiana, i suoi protagonisti, ma soprattutto il suo significato, proprio ora che è più forte il rischio di perdere il contatto con ciò che è stato e il suo valore. Anche assumendosi la responsabilità e il rischio di fare qualche astrazione e attualizzazione.
E se per Rina e L’Italiano si è trattato di riportare a galla episodi di vita vissuta, Bernardo Bertolucci ha usato pennellate emotive e romantiche per colorare ricordi personali, a cominciare dalla sua famosa pellicola “Novecento”.