Home mostre contemporanea Alla Camera la Grande Guerra vista da Piero Melograni

Alla Camera la Grande Guerra vista da Piero Melograni

2066

Ancora sulla Grande Guerra, questa volta dal punto di vista di uno dei maggiori storici italiani. Nel Complesso di Vicolo Valdina della Camera dei Deputati e’ visitabile dal 5 al 18 novembre (esclusi sabato e domenica) la mostra La Guerra di Piero – Piero Melograni e la storia politica della Grande Guerra 1915-1918, in occasione del Centenario dell’entrata in guerra dell’Italia. La mostra si avvale dell’attività dell’Archivio Storico Piero Melograni di Roma, che in occasione del Centenario ha organizzato un progetto espositivo che documenta – attraverso gli oggetti dell’epoca, materiale d’archivio cartaceo e audiovisivo – il lavoro preparatorio dello storico Melograni per la realizzazione del Volume ”Storia politica della Grande Guerra 1915-1918”. Scomparso nel 2012 a 81 anni, Piero Melograni e’ stato dei più grandi storici dell’Italia contemporanea. Iscrittosi al Pci dal 1946, ne uscì con altre cento persone, tutti firmatari del Manifesto dei 101, edito in aperta polemica contro le decisioni della dirigenza comunista italiana verso la repressione sovietica in Ungheria nel 1956. Lascia la politica per circa un trentennio e si dedica all’attività accademica. Per un quarto di secolo, dal 1971 al 1996, è docente di storia contemporanea all’Università di Perugia. Affianca all’attività di docente la produzione di numerosi saggi e volumi. Nel 1976 cura per Laterza la Intervista sull’antifascismo di Giorgio Amendola. Uscito pochi mesi dopo l’Intervista sul fascismo di Renzo De Felice, il volume rileggeva la storia della Resistenza e del rapporto della sinistra italiana con le forze politiche avversarie. Riappare nella vita politica nel 1995 prendendo parte alla Convenzione Liberale del radicale Marco Taradash, fino ad essere eletto deputato alla camera nel 1996 come indipendente nelle liste di Forza Italia. Nell’arco di quella legislatura fu incaricato, assieme ad altri sessanta saggi, di scrivere la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. Nel 2006 ha dato alle stampe una fortunata traduzione de Il Principe in italiano moderno.

Info: www.camera.it    www.archiviomelograni.it