Home life style “Infinito”. Personale di Adele Lotito

“Infinito”. Personale di Adele Lotito

160

Adele Lotito tiene la sua seconda personale presso  Hyunnart Studio. 

La poetica di Adele Lotito è incentrata sull’indagine dei  rapporti tra forma e idea, tra significante e significato,  nei territori del linguaggio, della filosofia, della  matematica, della musica e della scienza, inserendo lettere  e numeri, realizzando installazioni. Preferibilmente usa il  fumo di candela addensato su superfici di alluminio o di  altri materiali. Ne risulta un lavoro che aspira a  conciliare un orizzonte concettuale con una inclinazione a  lontane suggestioni orientali, consapevole della crisi del  mondo occidentale. 

INFINITO raccoglie opere eseguite nel periodo del  lockdown, costituite da lavori su carta e su alluminio. Se “Infinito”, l’opera che titola la mostra, entra nel  vissuto in cui ci siamo tutti trovati, ciascuno di noi  chiuso nel suo proprio silenzio che appariva interminabile;  

“Interior”, carta lunga mt. 6,50 accoglie frammenti di  vita quotidiana, suggeriti da una condizione psicologica  fortemente condizionata dall’eccezionalità del periodo 

attraversato. 

Le 11 carte di “Rebus” ,invece, restituiscono la sensazione  di momenti unici in cui l’enigma diventa protagonista  assoluto ed inquietante. 

opere esposte:  

“Infinito”, 2021, cm 100×130, fumo di candela su alluminio “Interior”, 2020, mt 6,50 x100, tecnica mista su carta  “Rebus”, 2020, 11 carte ciascuna cm 38 x 29,5, tecnica  mista su carta  

“Il serpente che si morde la coda”, 2021, 2 elementi  ciascuno cm 49 x 23,5, fumo e matita grassa su alluminio 

Adele Lotito nasce a Roma dove vive e lavora. Diplomata  all’Accademia di Belle Arti di Roma. Fra le principali  mostre personali e collettive si ricordano: 1981,82’,83’  gall. Mario Diacono Roma; 1983 Critica ad arte Palazzo  Lanfranchi Pisa a cura di A.B.O. ; 1986 gall .A.A.M.Roma,a  cura di F.Moschini, ; 987Dialogo sulla superficie Villa  Aggazzotti Formigine Modena a cura di F.Menna e di  C.Cerritelli; 1990 Studio Bocchi; 1997 Malia S.Stefano  Tivoli a cura diR.Gramiccia; 2007 De Forma Borgo di  Castelbasso TE a cura di C.Materazzo; 2008 Ulissici Gall.  Hybrida Roma a cura di R.Gramiccia; XXV Biennale di  Scultura di Gubbio a cura di G.Bonomi; 2009 Cromofobie Ex  Aurum Pescara a cura di S.Pegoraro; L’ame omaggio a  Caccioppoli gall.P.Casagrande a cura di R.Gramiccia;  Rigenerazione astratta Gall.Fabbri.ca Milano a cura di  Bonomi; 2010 I dadi di dio Hyunnart Studio Roma a cura di  M.de Candia e P.Ferri; Ab-Ovo Scuderie Aldobrandini  Frascati; 2011 de le stelle fisse gall. Nube di Oort Roma a  cura di P.Balmas; 2012 La Musica dei Numeri gall. La Nuova  Pesa Roma a cura di R.Gramiccia ; de le stelle fisse gall.  Vertigo Cosenza a cura di P. Aita; 2013 Equilibri  instabili Temple University Roma a cura di S.Wassermann ;  2015 BoCs – Art Residenza di Cosenza a cura di A.  Dambruoso; 2016 Fragili Eroi Museo Bilotti Roma a cura di 

A.Dambruoso; 2017 “Riflessi”galleria Borghini arte  contemporanea Roma (doppia personale B.Diodato);  ”Ricognizioni dai Bocs Art I linguaggi del  

contemporaneo”Bocs Art Museum di Cosenza a cura di A.  Dambruoso; 50x50x50 Temple University-Roma a cura di  Wasserman; ”Dimensione Fragile”mostra Manifesto della  Fragilità Biblioteca Vallicelliana Roma; 2018 “Una stanza  

tutta per sé ”Scuderie Aldobrandini a cura di E. Saldari  Frascati; ”Atelier”Macro-asilo Roma a cura di G.de Finis;  2019 Myricae inchiesta sulle piccole cose, Biblioteca  Vallicelliana Sala Borromini Roma a cura di R.Gramiccia;  “Vesuvio quotidiano Vesuvio universale” , Certosa di San  Martino Napoli a cura di A. Imponente; Ponte di  Conversazione con P. Aita , Museo Bilotti Roma; 2020 Sketch  segni contemporanei progetto Vertigo, galleria Nuova Pesa  Roma; Se tutto è arte 50×50 Tra le volte Roma a cura di  R.Gramiccia; 2021 Le altre opere ,Galleria d’arte moderna  Roma; 2022 “L’osteria dei pittori “ galleria Nuova Pesa  Roma a cura di R. Gramiccia.