Home musica Al Costanzi ancora la sinfonica, ma non tutto piace

Al Costanzi ancora la sinfonica, ma non tutto piace

1312

Continua il ciclo “Specchi nel tempo” al Teatro Costanzi di Roma. La formula del ponte sonoro tra passato e modernità sembra aver riscosso ancora un buon successo.

I tre autori proposti e spiegati da Stefano Catucci: Xenakis, Beethoven e Prokofiev, non sono stati facili all’ascolto. Anche la selezione dei brani: il Concerto per pianoforte e orchestra n.3, Metastaseis e Sinfonia n. 5, non erano tra i più “turistici”.

Anzi, l’autore greco ha seriamente messo alla prova l’uditorio, con un brano complicato, astratto; un brano che ha confidato più sulla pazienza dell’ascoltatore che non sulla bellezza del pezzo.

Beethoven ha riscosso il successo che merita. Sarà stato per merito del pianista,  François-Frédéric Guy, che lo ha suonato con una maestria degna di un ottimo pianista, senza però riuscire a comunicare la profondità del suono. Il pezzo non era tra i suoi cavalli di battaglia. Bravo è stato bravo, ma non emozionale.

Nella Quinta sinfonia di Prokofiev il direttore, Alejo Perez, è riuscito a valorizzare l’orchestra del Teatro, garantendo all’ascoltatore un impatto sonore degno del monumentalismo che Prokofiev voleva comunicare. Le singole sezioni orchestrali hanno dato il meglio di loro e la reazione del pubblico si è sentita. Un pubblico, invece, freddo per un autore freddo come Xenakis.

Il prossimo appuntamento è previsto per il 31 gennaio con musiche di Sibelius, Donatoni e Beethoven.