Home news cronaca Emma B: storia di una casalinga inquieta al teatro Fellini di Pontinia,...

Emma B: storia di una casalinga inquieta al teatro Fellini di Pontinia, 21 gennaio, ore 18.00

357

21 gennaio alle ore 18.00 torna in scena al Teatro Fellini di Pontinia (LT) Emma B: Storia di una casalinga inquieta, di Enza Li Gioi.

Lo spettacolo, sarcastica trasposizione del capolavoro di Flaubert, Madame Bovary, racconta le inquietudini e i desideri repressi di una donna del nostro tempo, oppressa dai doveri di moglie medio borghese e stanca di una noiosa quotidianeità.

La commedia segue la narrazione di Flaubert, ma il tono è divertente e ironico, non drammatico.

La protagonista, lontana dai canoni estetici proposti dalla società odierna soffre di disturbi alimentari e di psicosi moderne e sogna in continuazione grandi amori che spera  di trovare in uomini mediocri conosciuti casualmente tramite i rapporti professionali del marito.

Moglie di un noioso medico di provincia e stanca della poco appagante vita coniugale, Emma B  è una donna orgogliosa delle sue forme giunoniche e della sua prorompenza fisica, risultando attraente e seducente agli occhi del mondo maschile che le capita a tiro.

Cucita da Enza Li Gioi sulla personalità dell’attrice Eleonora Manara, “la storia di una casalinga inquieta” si arricchisce, rispetto alla prima versione, di nuovi elementi: grazie alla direzione di Fabio Luigi Lionello, che inserisce nell’opera anche proiezioni video capaci di mostrare sfaccettature e angolazioni diverse della stessa realtà, lo spettacolo risulta più completo, unendo armoniosamente il linguaggio teatrale con quello della  performance contemporanee.

Eterna sognatrice in cerca di appagamento affettivo, Emma B uscirà sempre sconfitta dalle travagliate relazioni amorose e pur addolorata e rassegnata, deciderà di di reagire, scrollandosi di dosso l’apatia e la negatività dei  fallimentari legami amorosi

Più forte e consapevole, Emma B deciderà di intraprendere una nuova vita: l’epilogo finale dello spettacolo, un commovente monologo dell’attrice Eleonora Manara, diventa quindi un atto di vittoria e di rivalsa personale della protagonista.