Home teatro Instrument jam, trionfo di mediterraneità

Instrument jam, trionfo di mediterraneità

560

E’ andato in scena il 24 settembre instrument jam, trionfo di mediterraneità al Teatro Comunale di Bologna. Coreografia e regia di Roberto Zappalà, musica originale di Puccio Castrogiovanni. Danzatori: Adriano Coletta, Alain El Sakhawi, Adriano Popolo Rubbio, Roberto Provenzano, Antoine Roux-Briffaud, Fernando Roldan Ferrer, Salvatore Romania. Marranzani(scacciapesieri): Puccio Castrogiovanni, tamburi: Arnaldo Vacca, hang: Salvatore Farrugio, Testi di Nello Calabrò, luci, scene, costumi di Roberto Zappalà, direttore tecnico: Sammy Torrisi. Una Produzione Scenario Pubblico\Compagnia Zappalà Danza e Centro Nazionale di Produzione della Danza.

Da 28 anni Roberto Zappalà corre e racconta, come nessu altro, un Sud vivo e vibrante insieme alla sua compagnia. La danza contemporanea è infatti per Zappalà “una delle espressioni creative più filosofiche: lavora su stati emozionali e lascia ampio spazio al pubblico per le sue interpretazioni”.

La scenografia è vuota, solo un manichino colorato sul proscenio a sinistra e in fondo un grande telo bianco da cui si intravedono i musicisti. Il palcoscenico è animato dai danzatori\interpreti, vestiti con abiti femminili, le luci che cambiano colore e dal fumo emesso dalla macchina del fumo. Lo spettacolo è ricco di momenti onirici, i ballerini, danzando, sembrano fluttuare nell’aria. I ballerini oltre a interpretare la musica, danno il via ad essa con movimenti tecnici, come fossero registi in scena. Il ballo è alternato da danze sfrenate a pose plasitiche che rimandano a statue di Michelangelo o Donatello vista la prestanza dei danzatori. Il ritmo è incessante, la musica diventa un tuttuno col ballo. Niente è lasciato al caso. 

I ballerini danzando creano dei quadri, evocano combattimenti e si amalgamano tra di loro, e qui mi torna in mente il lavoro della compagnia Artemis Danza di Monica Casadei andato in scena sempre al Teatro Comunale di Bologna nel 2016. Realizzano anche piccole acrobazie e lasciano spazio all’ immaginario del pubblico.