Home editoria Allenati per il futuro, trova il tuo lavoro, ecco il libro che...

Allenati per il futuro, trova il tuo lavoro, ecco il libro che ti dice come fare

1524
Blank white book w/path

Esiste il lavoro del futuro? Come prepararsi al meglio per affrontare i mutamenti che stanno trasformando il mondo dell’occupazione e i modelli produttivi attuali? Le conoscenze e le competenze che si maturano nella scuola attuale sono realmente in grado di preparare le nuove generazioni a soddisfare le richieste stringenti del mercato occupazionale? A queste e a tante altre domande vuole dare risposte il volume dal titolo “Allenarsi per il futuro. Idee e strumenti per il lavoro che verrà”.

Edito da Rubbettino e scritto a quattro mani da Stefano Maria Cianciotta e Pietro Paganini, il libro, presentato giovedì 10 dicembre a  Roma presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati,  va ben oltre il tradizionale dibattito attorno alla riforma della scuola 2.0 e, partendo da un’attenta indagine sulle radicali e rapide trasformazioni in atto nel mondo lavoro, ipotizza le competenze che dovranno acquisire i giovani e mette sul tavolo i cambiamenti che dovranno essere applicati concretamente sui modelli educativi e didattici.

Da qui ai prossimi anni, le nuove generazioni arriveranno a cambiare, in media, dai cinque ai sette lavori, svolgendo professioni completamente diverse e forse addirittura inesistenti. In questo contesto la sfida sarà riuscire a immaginare la traiettoria di sviluppo dei settori più in espansione e più bisognosi di cervelli. Di pari passo l’istituzione scolastica dovrà dunque dimostrarsi pronta nel formare nuovi talenti da un punto di vista tecnico ed intellettuale, sollecitando creatività e visione per affrontare le professioni del futuro.

Senza la presunzione di offrire soluzioni, ma con l’obiettivo di indicare prospettive concrete e raccontare case histories di aziende che hanno investito e continuano a scommettere sul futuro, i temi affrontati nel libro hanno come comune denominatore la necessità di costruire percorsi virtuosi perché il nostro Paese si riappropri, valorizzandolo, del suo patrimonio più importante: la passione e la creatività dei giovani.