Home editoria Roma e i suoi rioni, con una punta di nostalgia

Roma e i suoi rioni, con una punta di nostalgia

1653

Ci voleva un anziano professore di lettere innamorato della sua città come Vittorio Ferrero per scrivere questa Microstoria della Roma dei rioni. Che è esattamente, come spiega il sottotitolo, un affresco della vita romana nei secoli attraverso l’analisi di personaggi, luoghi, vicende, tradizioni, aneddoti e curiosità. Il titolo avrebbe potuto essere “Roma sparita”, ma è un po’ abusato. Anche perché Roma è cambiata, ma i rioni ci sono ancora, con la loro gente. Diversa, ma capace di assorbire lo spirito dei vicoli. Il libro è dunque un lungo viaggio attraverso le vie e le piazze dei rioni di Roma per rivisitare lo svolgersi della vita del popolo romano nelle sue differenti manifestazioni pubbliche, religiose, festive, politiche e negli svariati luoghi di incontro come i caffè, le osterie, le piazze, i teatri, le chiese, gli ospedali, i monumenti. Camminando per la città si attraversano i secoli, dal Medioevo al Novecento, con accenni anche al mondo d’oggi. Ma soprattutto, nella riscoperta dei luoghi, riprendono vita e assumono significati più intensi tutti quegli aspetti, dai più semplici ai più importanti, della vita quotidiana che hanno caratterizzato Roma nel tempo, aiutandoci a comprenderne la sua realtà viva e complessa. Scorrendo le pagine, ci troviamo immersi in una miriade di tasselli tesi a ricostruire, come in un mosaico, un coloratissimo ritratto di Roma che va al di là della mera descrizione di vicende storiche già note o della classica esaltazione delle sue bellezze artistiche. In questo libro ci troviamo davanti a un ritratto sicuramente più reale, rivolto al vissuto, che intende mostrare la vera anima della città e dei suoi abitanti. Ferrero racconta la microstoria di Roma e del suo popolo, spesso poco evidenziata ma altrettanto significativa, contrapposta alla “roboante storia ufficiale della città eterna”. Un libro, spiega l’editore, per cercare di conoscere e comprendere i romani. Forse un po’ oleografico, ma in questo caso non è un difetto.

Vittorio Ferrero, Microstoria della Roma dei rioni, www.mmcedizioni.it