Home eventi Il 3 luglio Palazzo Barberini e Galleria Corsini aperte al pubblico gratis

Il 3 luglio Palazzo Barberini e Galleria Corsini aperte al pubblico gratis

100

Domenica 3 luglio prossimo, l’accesso a Palazzo Barberini e alla Galleria Corsini sarà gratuito (prima domenica del mese), salvo costi di prenotazione obbligatoria sul sito www.ticketone.it oppure contattando il numero 06-32810. La gratuità non si applica alla mostra ‘Disney. L’arte di raccontare storie senza
tempo’, che prevede una bigliettazione separata.

Tra le cose visibili gratuitamente ci sono le undici sale del piano terra di Palazzo Barberini, completamente rinnovate e riallestite e riaperte dal 29 aprile scorso. Con questo intervento, a cura di Flaminia Gennari Santori con Maurizia Cicconi e Michele Di Monte, si conclude, dopo tre anni, il complesso riallestimento della collezione permanente del museo. Le 50 opere del piano terra, dall’Alto Medioevo al primissimo Cinquecento, sono disposte secondo un ordine cronologico e geografico che intreccia e presenta al pubblico diversi livelli di lettura: attraverso una serie di ”stanze” dedicate a momenti tematici e approfondimenti monografici vengono messi in risalto nessi e rimandi tra le opere di ordine morfologico, tematico, tipologico, semantico, iconografico e contestuale. Sempre a Palazzo Barberini da segnalare che dal 12 aprile e fino al 31 luglio, in concomitanza con la partenza della Fornarina di Raffaello
alla volta della National Gallery di Londra, per la mostra ‘The Credit Suisse Exhibition: Raphael’, a cura di Matthias Wivel, è in mostra la ‘Dama con lo Scoiattolo’, capolavoro di Hans Holbein, in arrivo dallo stesso museo. Dal 24 maggio, inoltre, sono inseriti nel percorso espositivo di Palazzo Barberini i due dipinti entrati a far parte della collezione delle Gallerie Nazionali di Arte Antica grazie all’acquisizione da parte dello Stato, su indicazione del museo stesso: ‘La morte di Cleopatra’ di Giovanni Lanfranco (Parma 1582 – Roma 1647) e il ‘Ritratto del Cardinale Antonio Barberini’ di Simone Cantarini (Pesaro 1612 – Verona 1648).